Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Avola è un inquinatore di pozzi e mi meraviglia che un giornalista come Santoro, con il suo libro, si sia prestato a dare fiato a un personaggio del genere". È con queste parole che Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo ucciso nella strage di via d'Amelio il 19 luglio del 1992, ha commentato le dichiarazioni dell'ex boss catanese andate in onda ieri nello speciale sulla mafia de La7. Maurizio Avola, che nel 1994 aveva cominciato a collaborare con la giustizia, ha affermato di aver partecipato alla strage in cui perse la vita il giudice palermitano assieme alla propria scorta. "Già in passato, con le sue dichiarazioni, Avola ha delineato la strategia dei falsi pentiti di mafia - ha ricordato Borsellino per primo all'AdnKronos - mischiare verità e bugie per minare la credibilità dei veri pentiti. Le sue rivelazioni, se così le possiamo chiamare, mirano a mettere in dubbio alcune verità emerse dal Borsellino quater e tendono a ridare 'verginità' a quello Stato deviato che ha partecipato alla strage di via d'Amelio, a ridare credibilità ai Ros". L'obiettivo? "Rendere servizio ai 'servizi' nel nostro Paese paga" afferma Borsellino che ieri ha scelto di non vedere lo speciale su La7. Borsellino si è detto rincuorato rispetto alla scelta della Procura di Caltanissetta di intervenire sottolineando l'inattendibilità dell'ex boss di Cosa Nostra: "La mia paura era che questa procura, che purtroppo in passato ha dato spazio alle false dichiarazioni, potesse acquisire anche questo depistaggio del depistaggio".
Successivamente, in un post su Facebook, è stato ancora più duro: "Voglio sperare che il libro di Santoro e la grancassa mediatica che ne sta accompagnando il lancio sia soltanto quello che mi sembra essere, uno squallido tentativo di recuperare la notorietà da parte di un giornalista giunto alla fine della sua parabola discendente, di un ex giornalista d'inchiesta che pure ai tempi di Samarcanda ha dato qualcosa al mondo dell'informazione, che per recuperare qualche barlume di notorietà e qualche spicciolo di diritti d'autore si è ridotto a dare credito ad un inquinatore di pozzi, un ondivago e ambiguo presunto collaboratore di giustizia che pure nelle sue dichiarazioni passate aveva lucidamente delineato la strategia dei falsi 'pentiti' di mafia, mischiare verità e falsità per acquisire credibilità e nel contempo inquinare la verità, delegittimare altri, veri, collaboratori di giustizia". "Voglio sperarlo - prosegue - ma nel contempo temo che invece ci sia dietro una manovra per cercare di minare i punti fermi finalmente raggiunti attraverso la sentenza del Borsellino Quater, per cercare di avallare il depistaggio dei ROS fondato sul dossier mafia-appalti come elemento scatenate della strage di Via D'Amelio, per tirare fuori lo Stato deviato da questa e da altre stragi e per ridare una verginità che chi la ha perduta, e irrimediabilmente, da tempo".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Santoro torna in tv e intervista il pentito Avola. I pm: ''Dice il falso''


Il pentito Avola a La7: i commenti

Borrometi: Avola e le false dichiarazioni

Ingroia: ''Le parole di Avola sono depistanti''

Musacchio: Chi ha paura della verità sulla strage di via d’Amelio?

La Trattativa Stato-Mafia e la morte di Paolo Borsellino

Il depistaggio di via d'Amelio

I mandanti esterni della strage di via d'Amelio

Via d'Amelio: restano ''zone d'ombra'' e ''incongruenze''

Presenza dello Stato nel depistaggio della Strage di via D'Amelio

Borsellino quater, Repici: ''Apparati di Stato dietro strage e depistaggio di via d'Amelio''

Via d'Amelio, Narracci: ''Incontro tra Tinebra e Contrada. Così il Sisde supportò le indagini''

Indagini via d'Amelio, per la Procura di Messina ''nessun depistaggio da parte dei pm''

L'arroganza del Potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede
In difesa di Nino Di Matteo - Video-Intervista

Lotta alla mafia, anno 2021

Processo Mannino, mafia e appalti: la verità sul ruolo del Ros

Trattativa: Mannino, Subranni, Contrada e la Falange Armata

L'indegna ipotesi di Silvio Berlusconi al Quirinale

Stato-mafia: Dell'Utri ''intermediario'' tra governo B. e Cosa Nostra

E ora dite che nella trattativa non c'è Stato!

Berlusconi, la ''vittima'' che pagava la mafia

Il verdetto della Cassazione: Dell'Utri colpevole!

I parenti delle vittime di mafia non dicano falsità

La sentenza di Palermo: ...e adesso i mandanti esterni delle stragi

Stragi 1992-1994: la ''longa manus'' dello Stato dietro le bombe

Ad Atlantide Lodato racconta le ''Mani esterne'' dei delitti di mafia

Quando ho chiesto l'apertura degli archivi Usa su Falcone e Borsellino

Paolo Borsellino fu ucciso per la Trattativa Stato-Mafia. Ecco perché non deve avere giustizia

Luca Tescaroli: ''Unico filo su stragi del '92-'93''

Il Patto Sporco, il libro sulla trattativa Stato-Mafia

Gian Carlo Caselli: Borsellino ucciso per la Trattativa Stato-Mafia

Strage via d'Amelio, Ardita: ''Ciò che distingueva Borsellino era la sua grande umanità''

Berlusconi e Dell'Utri indagati: verità su mandanti esterni stragi '93!

Via d'Amelio, 28 anni dopo memoria e pretesa di verità non sono vane

Strage via d'Amelio, ex agente FBI: ''Ci sono colleghi che manipolarono le prove''

Via d'Amelio, Tartaglia: ''Ancora tanti pezzi mancanti, chi accelerò strage?''

Strage via d'Amelio, Tescaroli: ''Vero nodo oscuro è l'accelerazione della sua esecuzione''

Di Matteo: ''Dietro stragi mandanti esterni ma non si vuole la verità''

I mandanti esterni della strage di via d'Amelio

Berlusconi, Dell'Utri e le indagini sulle stragi

Vivere o morire di Trattativa: Paolo Borsellino ne morì

Paolo Borsellino e Giovanni Falcone uomini con la U maiuscola

Ah se Marcello Dell'Utri si pentisse! Povero Silvio Berlusconi

#Bonafede Dica La Verità

Dossier Processo trattativa Stato-Mafia

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy