Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Dopo trent’anni dalla strage di via d’Amelio, Michele Santoro dopo aver incontrato il collaboratore di giustizia Avola scrive un libro. Quest’ultimo una volta in libertà, dopo tutti questi anni, racconta le sue presunte nuove verità, non riscontrate e, ritengo, non riscontrabili. Se così fosse è evidente che non si possa parlare di verità ma di supposizioni probabilmente campate in aria. La prima stranezza è che da via d’Amelio d’improvviso spariscono entità esterne, agenti dei servizi segreti deviati e la “trattativa” Stato-mafia come motivazioni cardine della scelta di uccidere Paolo Borsellino. A questo punto alcune domande nascono naturali: Avola è un avvelenatore di pozzi? Siamo di fronte ad un ennesimo depistaggio? Chi lo sta utilizzando? Per quali fini? A queste domande una prima risposta la offre la Procura della Repubblica di Caltanissetta che emette un comunicato stampa in cui, a proposito della presenza di Avola nelle fasi di preparazione ed esecuzione della strage di via d’Amelio afferma testualmente: “Tale circostanza è, in effetti, stata riferita per la prima volta dall’Avola nel corso di un interrogatorio svoltosi lo scorso anno dinanzi ai magistrati di questa D.D.A., a distanza di oltre venticinque anni dall’inizio della sua collaborazione con l’autorità giudiziaria. I conseguenti accertamenti disposti da questa D.D.A:, finalizzati a vagliare l’attendibilità di dichiarazioni riguardanti una vicenda ancora oggi contrassegnata da misteri e zone grigie, non hanno allo stato trovato alcuna forma di positivo riscontro che ne confermasse la veridicità. Dalle indagini demandate alla DIA sono per contro emersi rilevanti elementi di segno contrario che inducono a dubitare tanto della spontaneità quanto della veridicità del suo racconto. Per citarne uno, tra i tanti, l’accertata presenza dello stesso Avola in Catania, addirittura con un braccio ingessato, nella mattinata precedente il giorno della strage, la dove, secondo il racconto dell’ex collaboratore, egli, giunto a Palermo nel pomeriggio di venerdì 17 luglio, avrebbe dovuto trovarsi all’interno di un’abitazione sita nei pressi di via Villa Sevaglios, pronto, su ordine di Giuseppe Graviano, a imbottire di esplosivo la fiat 126 poi utilizzata come autobomba”. Un ultimo interrogativo lo poniamo a noi stessi e agli italiani: c’è forse qualcuno che ha paura che ci si avvicini alla verità su quel periodo e su quelle stragi? A tal proposito mi risuonano profetiche le parole di Pasolini: “Io so tutti questi nomi e so tutti questi fatti (attentati alle istituzioni e stragi) di cui si sono resi colpevoli. Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi”. Alle parole del poeta e scrittore aggiungerei il mio modesto pensiero: “Io so, perché me lo hanno insegnato a scuola, che lo Stato dovrebbe essere il primo a volere la verità e a difendere con ogni mezzo quei morti uccisi soltanto perché facevano semplicemente il loro dovere!”. A trent’anni dalle loro morti però lo Stato non ancora rende giustizia al loro sacrificio!
(Prima pubblicazione: 29-04-2021)

ARTICOLI CORRELATI

Santoro torna in tv e intervista il pentito Avola. I pm: ''Dice il falso''

Salvatore Borsellino: ''Avola parla di via d'Amelio? È un inquinatore di pozzi''


Il pentito Avola a La7: i commenti

Borrometi: Avola e le false dichiarazioni

Ingroia: ''Le parole di Avola sono depistanti''

Musacchio: Chi ha paura della verità sulla strage di via d’Amelio?

La Trattativa Stato-Mafia e la morte di Paolo Borsellino

Il depistaggio di via d'Amelio

I mandanti esterni della strage di via d'Amelio

Via d'Amelio: restano ''zone d'ombra'' e ''incongruenze''

Presenza dello Stato nel depistaggio della Strage di via D'Amelio

Borsellino quater, Repici: ''Apparati di Stato dietro strage e depistaggio di via d'Amelio''

Via d'Amelio, Narracci: ''Incontro tra Tinebra e Contrada. Così il Sisde supportò le indagini''

Indagini via d'Amelio, per la Procura di Messina ''nessun depistaggio da parte dei pm''

L'arroganza del Potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede
In difesa di Nino Di Matteo - Video-Intervista

Lotta alla mafia, anno 2021

Processo Mannino, mafia e appalti: la verità sul ruolo del Ros

Trattativa: Mannino, Subranni, Contrada e la Falange Armata

L'indegna ipotesi di Silvio Berlusconi al Quirinale

Stato-mafia: Dell'Utri ''intermediario'' tra governo B. e Cosa Nostra

E ora dite che nella trattativa non c'è Stato!

Berlusconi, la ''vittima'' che pagava la mafia

Il verdetto della Cassazione: Dell'Utri colpevole!

I parenti delle vittime di mafia non dicano falsità

La sentenza di Palermo: ...e adesso i mandanti esterni delle stragi

Stragi 1992-1994: la ''longa manus'' dello Stato dietro le bombe

Ad Atlantide Lodato racconta le ''Mani esterne'' dei delitti di mafia

Quando ho chiesto l'apertura degli archivi Usa su Falcone e Borsellino

Paolo Borsellino fu ucciso per la Trattativa Stato-Mafia. Ecco perché non deve avere giustizia

Luca Tescaroli: ''Unico filo su stragi del '92-'93''

Il Patto Sporco, il libro sulla trattativa Stato-Mafia

Gian Carlo Caselli: Borsellino ucciso per la Trattativa Stato-Mafia

Strage via d'Amelio, Ardita: ''Ciò che distingueva Borsellino era la sua grande umanità''

Berlusconi e Dell'Utri indagati: verità su mandanti esterni stragi '93!

Via d'Amelio, 28 anni dopo memoria e pretesa di verità non sono vane

Strage via d'Amelio, ex agente FBI: ''Ci sono colleghi che manipolarono le prove''

Via d'Amelio, Tartaglia: ''Ancora tanti pezzi mancanti, chi accelerò strage?''

Strage via d'Amelio, Tescaroli: ''Vero nodo oscuro è l'accelerazione della sua esecuzione''

Di Matteo: ''Dietro stragi mandanti esterni ma non si vuole la verità''

I mandanti esterni della strage di via d'Amelio

Berlusconi, Dell'Utri e le indagini sulle stragi

Vivere o morire di Trattativa: Paolo Borsellino ne morì

Paolo Borsellino e Giovanni Falcone uomini con la U maiuscola

Ah se Marcello Dell'Utri si pentisse! Povero Silvio Berlusconi

#Bonafede Dica La Verità

Dossier Processo trattativa Stato-Mafia

Nuovo importante incarico al Parlamento europeo per Vincenzo Musacchio 

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy