Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
"Alcuni agenti dell'unità esplosivi del Fbi che hanno lavorato alle indagini sulla strage hanno riscritto i miei rapporti, illegittimamente deposto in processi su campi che non erano di loro competenza, giurato il falso, manipolato prove". A dirlo è un ex agente speciale, Frederic Whitehurst, a Giornale Radio RAI, che ha fatto parte del team del Federal Bureau of Investigation americano inviato nel 1992 a collaborare con i colleghi italiani alle indagini sull'esplosivo adoperato per far saltare in aria Borsellino e gli agenti di scorta. "Quello che ho contestato all'epoca, e continuo a contestare - ha aggiunto - è la deposizione al tribunale di Caltanissetta di Robert Heckman, che ha testimoniato nonostante non avesse raccolto i referti in Via D'Amelio, e non fosse un esperto di analisi in residui di esplosivi. Alcuni responsabili del laboratorio di quei tempi erano chiamati ‘fixers’. Non erano scienziati ma lavoravano in laboratorio, e "sistemavano" le investigazioni in modo da assecondare l'agenda politica". Whitehurst ha ricordato che anche a seguito della sua denuncia, il Dipartimento della Giustizia americano avviò un'inchiesta sui laboratori del Fbi, decise trasferimenti in massa e stabilì che di esplosivi si sarebbero occupati solo chimici esperti. Alla domanda sui motivi del coinvolgimento della polizia federale USA nelle indagini, Whitehurst ha risposto così: "Non lo abbiamo mai capito. Forse perché Giovanni Falcone e il direttore del Fbi Louis Freeh erano amici. C'era anche la volontà di fare entrare in gioco un'altra unità, visto che c'era grande preoccupazione che la mafia potesse infiltrare il SISMI e l'Arma dei Carabinieri".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Chi ha ucciso Paolo Borsellino?

Al Csm desecretate le audizioni del 1992 con le testimonianze su Borsellino

Paolo Borsellino fu ucciso per la Trattativa Stato-Mafia. Ecco perché non deve avere giustizia
di Saverio Lodato

Gian Carlo Caselli: Borsellino ucciso per la Trattativa Stato-Mafia

Tg2 Post, Di Matteo: ''La strage Borsellino non solo di Cosa nostra''

Strage via d'Amelio, Ardita: ''Ciò che distingueva Borsellino era la sua grande umanità''

Salvatore Borsellino: ''Agnese minacciata dalle istituzioni''

Salvatore Borsellino e le Agende Rosse il 19 luglio per streaming

Strage via d’Amelio, Morra: ''Più del tritolo hanno fatto omissioni, negligenze e pavidità''

Fabio Repici: ''Su strage via d'Amelio c'è il marchio del Viminale dell’epoca e della Polizia di Stato''

19 luglio 2020: la questura di Palermo ricorda le vittime della strage di via d'Amelio

Onore alle scorte, tra memoria e impegno, 28 anni dopo le stragi
Alla Caserma Lungaro Polizia, familiari vittime di mafia e società civile unite nella pretesa di verità e giustizia

Stragi di mafia: ''Non dobbiamo essere ipocriti e commemorare un solo giorno all'anno''

Anniversario Strage via d'Amelio: l'Orchestra ''Falcone Borsellino'' in concerto

Roberto Pezzini & Our Voice: oggi, 19 luglio, su tutti i digital stores il singolo ''Manca''

''Io Paolo'', l'intervista ''marziana'' di Francesco Vitale a Paolo Borsellino

19 luglio 2020: la questura di Palermo ricorda le vittime della strage di via d'Amelio

Via d'Amelio oltre i depistaggi, cercate i mandanti esterni

Il depistaggio di via d'Amelio

Scarpinato: ''Di Matteo magistrato serio e coraggioso''

I mandanti esterni della strage di via d'Amelio

L'agenda rossa entra nel processo “Borsellino quater”

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy