Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila - Video
“Quello che distingue Paolo Borsellino, e che lo rende unico, è la sua grande umanità, che coniugava la sua professionalità al coraggio”. E’ così che è intervenuto il consigliere togato del Csm, Sebastiano Ardita, al Tg1 dialogo in occasione della 28° ricorrenza della strage di via d’Amelio in cui persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e gli agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. “I suoi biografi raccontano un episodio che accade negli anni ’70 quando ancora la domenica i panifici erano chiusi e Borsellino si accingeva a comprare del pane da un ambulante. - ha aggiunto - Quest’ultimo lo guardò e gli disse: ma come dottor Borsellino lei mi ha fatto condannare perché vendevo il pane da abusivo e adesso viene a comprare il pane da me? Paolo Borsellino rimase sorpreso da quel riconoscimento e lo abbracciò. Con quel gesto e quell’abbraccio c’era tutta quanta l’umanità di Paolo Borsellino, di concepire la legge non come spietata applicazione di una normativa di rigidità e burocrazia, ma come una realtà che ha una missione che va oltre. Una missione umanitaria che deve rendersi conto delle differenze che ci sono tra le persone. - ha concluso il pm antimafia - Il suo interpretare la lotta alla mafia in questo quadro nel riscatto della sua Sicilia e della sua Palermo, della nostra Italia dal compromesso morale per l’ottenimento dello scopo e raggiungere il fresco profumo di libertà. Questa fu la visione di Paolo Borsellino che vale ancora oggi per tutti noi”.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy