Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

manifesto daphne i30di Maria Grazia Mazzola
L'Europa non è più un luogo sicuro per i giornalisti. Gli omicidi dei nostri colleghi Daphne Caruana Galizia a Malta, il 16 ottobre 2017, e di Jan Kuciak in Slovacchia, il 21 febbraio 2018, lo dimostrano.
Entrambi indagavano sui flussi di denaro, affari illeciti, corruzione e politica, Panama papers. Anche in Italia è cresciuto il numero dei giornalisti minacciati e aggrediti.
Le mafie da tempo si sono globalizzate e stanno facendo grandi affari soprattutto in Europa che, come ha detto il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, è una grande prateria dove non esiste il 416 bis nel codice penale dei paesi membri. Forse pochi sanno che a Malta si vive ormai come in Sudamerica: in circa 13 mesi ci sono state ben 6 autobombe. Malta è una base per l'evasione fiscale. “Un paese pirata nella UE", denunciava Daphne Caruana Galizia, coscienza critica, giornalista investigativa di spessore, donna fuori dagli stereotipi maltesi.
Corruzione, mafie e fiumi di danaro di ogni tipo di provenienza attraversano il paese, la vendita dei passaporti maltesi a peso d'oro, rendono l’isola un’anomalia in Europa. La polizia di Malta non è indipendente, ha detto Vera Jourova, Commissaria europea per la giustizia. I figli di Daphne puntano il dito sul governo maltese, dicono che i mandanti sono protetti dalla politica.
Daphne Caruana Galizia attende verità e giustizia.
A Malta rischiano i colleghi giornalisti, i blogger che ogni giorno denunciano il malaffare. Non lasciamoli soli!
Costruiamo un ponte di solidarietà e società civile tra l’Italia e Malta. Fermiamo la campagna di odio per la verità e le persone che la stanno cercando.
Il mio appello a tutti i colleghi e alla società civile. Il 16 ottobre prossimo, per la ricorrenza dell’omicidio di Daphne, andiamo tutti a Malta a manifestare schierati con la famiglia di Daphne e i colleghi minacciati. Chiediamo verità anche sui mandanti delle stragi di mafia a Capaci e in via d'Amelio. Vogliamo sapere dov’è l’agenda rossa di Paolo Borsellino. Vogliamo sapere chi ha armato le mani dei killer dei nostri colleghi. Vogliamo un’informazione veramente indipendente anche in Italia: sulle mafie mettiamoci la faccia ma soprattutto parliamo per inchieste prodotte e non con le parole nei salotti o nelle sfilate pubbliche.

Hanno aderito:  

Maria Grazia Mazzola, inviata speciale Tg1

Romolo Sticchi, inviato speciale Tg3

Carlo Bonini, inviato speciale La Repubblica

Lorenzo Frigerio, direttore Libera Informazione

Riccardo Chartroux, inviato speciale Tg3

Fabrizio Feo, inviato speciale Tg3

Paolo Di Giannantonio, inviato speciale Tg1

Roberta Serdoz, caposervizio Tg3

Gaia Martignetti, giornalista FanPage

Pier Damiani D’Agata, redattore Tg3

Amedeo Ricucci, inviato speciale Tg1

Alessandra De Stefano, inviata speciale RaiSport

Lorenzo Baldo, giornalista Antimafia Duemila

Marina Cocozza, ufficio stampa RaiCom

Giovanni Bocco, inviato speciale Tg1

Enrica Maio, inviata speciale Tg1

Serena Mantone, redattore Rai Parlamento

Barbara Leone, giornalista blogger

Giorgio Bongiovanni, direttore Antimafia Duemila

Simona Petrucciolo, giornalista d’inchiesta freelance

Valter Rizzo, redattore Tgr

Amalia De Simone, giornalista d’inchiesta freelance

Maria Rosaria De Medici, caposervizio Tg3

Giovanni Occhiello, giornalista Tgr Campania

Filippo Landi, corrispondente Rai in pensione

Enza Emira Festa, redattore Tg3

Antonio Musella, giornalista FanPage

Valeria Collevecchio, caposervizio Tg3

Aaron Pettinari, giornalista Antimafia Duemila

Alessio Viscardi, giornalista FanPage

Lara Nicoli, redattore Tg3

Peppe Pace, giornalista FanPage

Pasquale Martello, grafico del Manifesto per Daphne



ARTICOLI CORRELATI

Daphne Caruana Galizia, attivisti aggrediti fisicamente in Republic Street

#DaphneWasRight 16 Dicembre: vigilia per la verità e la giustizia - Valletta (Malta)

Daphne Caruana Galizia: vogliamo i nomi dei mandanti

Daphne Caruana Galizia, le sue inchieste dopo la morte: così 45 giornalisti internazionali raccolgono il testimone

#DapheCaruanaGalizia: tutti a Malta a manifestare!

Daphne Garuana Galizia, talpa nella polizia; informava i killer: il nome svelato in Parlamento

Emergenza #Malta

Nasce ''The Daphne Project''

Malta, il figlio della blogger uccisa: ''Paese mafioso. Questa è guerra''

Una bomba sotto il giornalismo documentato

Omicidio Daphne. Borrometi: ''Aveva tutti i potenti contro. Ora scorta mediatica per le sue inchieste''

Malta: Antimafia su luogo esplosione

Malta, arrestati 8 sospetti dell'omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia

A Malta i funerali di Daphne Caruana Galizia: assenti premier e presidente, ''non sono graditi''

Daphne Caruana Galizia: ''Malta & 'Ndrangheta'' la pista da seguire?

L'ultimo sms del killer di Daphne: ''Apri una bottiglia di vino per me''

'Sull'omicidio di Daphne Caruana Galizia chiediamo una Commissione d'inchiesta Europea'

Report: giornalisti per non dimenticare Daphne Caruana Galizia

''Verità e giustizia per Daphne''. Appello della stampa mondiale

Dopo l'omicidio di Daphne Caruana Galizia non si deve smettere di cercare la verità

Una promessa per #DaphneCaruanaGalizia: continuare a raccontare questa guerra

Malta, uccisa giornalista Daphne Caruana Galizia: indagava su Panama Papers

Omicidio Daphne: critiche sulle indagini dalla famiglia e da alcuni giornalisti indipendenti

Malta connection

Video - Daphne Caruana parla dello scandalo Panama papers: l'intervista alla giornalista assassinata a Malta

Panama Papers, nell'elenco i soldi di Cosa nostra?

Lo scoop di Daphne Caruana Galizia sui legami tra il premier maltese e il regime azero

Malta, il paradiso fiscale degli italiani: così i MaltaFiles svelano chi ha il conto offshore

Giornalista uccisa a Malta, post shock di un poliziotto su Facebook: "Ha avuto quello che si merita"

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy