Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Luca Tescaroli, Luca Turco e Giuseppe Creazzo in viaggio per ricostruire le dinamiche della strage di via dei Georgofili

Prosegue a passo spedito l’attività di indagine della procura di Firenze che indaga sui mandanti occulti della strage di via dei Georgofili del 27 maggio 1993. Sopralluoghi in Sicilia sono stati compiuti personalmente dai pubblici ministeri fiorentini. A renderlo noto è un servizio della Tgr Toscana, che parla di una perquisizione nell'abitazione e nell'ufficio del sindaco di un piccolissimo comune nei pressi del lago d'Orta e dell'interrogatorio dei fratelli Giuseppe e Filippo Graviano. A condurre i sopralluoghi e gli interrogatori sono stati i procuratori aggiunti Luca Tescaroli e Luca Turco, ai quali si è unito anche il procuratore distrettuale antimafia Giuseppe Creazzo, che coordina personalmente le indagini. I lavori sono iniziati con i verbali rilasciati da Salvatore Baiardo, ufficialmente un gelataio ma in realtà personaggio chiave per i Graviano, rimasto accanto ai due fratelli stragisti di Cosa nostra in momenti cruciali oltre ad aver curato la loro latitanza in Toscana, a Forte dei Marmi, e a Omegna. E proprio nella zona del lago d'Orta si sono recati a fine marzo gli investigatori della Dia di Firenze: in tasca avevano un mandato di perquisizione per il sindaco di un piccolissimo comune. Secondo il racconto di Baiardo, all'uomo, che non risulta indagato, i Graviano avrebbero consegnato un miliardo di lire da reinvestire. Una dichiarazione che però non avrebbe avuto alcun riscontro nella perquisizione. I pm della procura di Firenze si sono quindi messi nuovamente in viaggio, questa volta verso il carcere di Terni, per sentire proprio i fratelli di Brancaccio. Da quel che emerge Giuseppe Graviano, che era già stato ascoltato il 20 novembre, avrebbe risposto alle domande, ma non avrebbe confermato nulla sul ruolo di Silvio Berlusconi nella stagione delle stragi mafiose del 1992 e del 1993.

ARTICOLI CORRELATI

Berlusconi e i miliardi della mafia

Giuseppe Graviano: lo stragista che ''parla'', spunto di verità?

Una ''dissociazione'' per la libertà, la strategia del boss Filippo Graviano

''Parla'' il boss stragista Giuseppe Graviano

Baiardo, gli incontri Graviano-Berlusconi e l'agenda rossa

Memoriale Graviano, la bestia ritorna a sputare veleno

Il silenzio della Bestia

'Ndrangheta stragista: su Graviano-Dell'Utri-Berlusconi, una traccia ignorata negli anni Novanta

'Ndrangheta stragista, a fine mese il via alla requisitoria di Lombardo

'Ndrangheta stragista, colonnello Brancadoro: "Così arrivammo a Graviano"

'Ndrangheta stragista, Graviano: "Berlusconi mandante stragi? Per il momento non lo ricordo"

Graviano atto terzo: "Dell'Utri è stato tradito"

'Ndrangheta stragista, Graviano: "Mi incontrai con Berlusconi da latitante"

Graviano parla: "Un imprenditore di Milano non voleva che si fermassero le stragi"

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy