Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Parlerò solo quando avrò verità su morte mio padre"
Il boss di Brancaccio irritato dalle domande dell'avvocato Ingroia
di Aaron Pettinari

E' una deposizione particolarmente nervosa, quasi dal doppio volto, quella del boss di Brancaccio Giuseppe Graviano, per la quarta volta intervenuto in video conferenza nel processo 'Ndrangheta stragista, che lo vede imputato assieme a Rocco Santo Filippone come mandante degli attentati ai Carabinieri che si verificarono tra la fine del '93 e gli inizi del '94, in cui morirono gli appuntati Antonino Fava e Vincenzo Garofalo. Per un'ora e tre quarti, rispondendo alle domande del proprio avvocato, Giuseppe Aloisio, è rimasto composto e pacato nella sua invettiva contro i collaboratori di giustizia che lo hanno accusato in questi anni. Smentisce categoricamente di aver conosciuto uomini di 'Ndrangheta come i Mancuso, i Piromalli o i Molé ("io di calabresi, quando ero in libertà, neanche idraulici e professionisti conoscevo. Poi in carcere li ho incontrati"), che nel tentato omicidio Germanà non c'entrano nulla né lui (condannato come esecutore, ndr) né il fratello, afferma di essere stato latitante dal 1984 e di essere stato anche fuori dalla Sicilia a Courmayeur, a Sanremo (ha anche detto di essere stato al Casinò di Saint Vincent senza specificare l'anno, ndr), quindi a Omegna.
Il suo atteggiamento, però, cambia quando la parola passa ad Antonio Ingroia, avvocato di parte civile dei carabinieri Antonio Fava e Giuseppe Garofalo, esprimendo chiari segnali di nervosismo sin dalla prima domanda.
"Lei ha detto di rispettare le sentenze. Volevo capire fino a che punto arriva il suo rispetto, se è solo formale o anche sostanziale. Lei ha fatto parte di Cosa nostra?" chiede l'ex pm palermitano. E la risposta è secca ed irritata: "Io ho già risposto al pm. Quindi non mi ripeta questa domanda, perché io mi stanco e non riesco a seguire il processo!".
Da quel momento in poi, come in un duello senza esclusione di colpi, l'avvocato incalza. "Lei ha conosciuto l'ex senatore Marcello Dell'Utri?". "Non l'ho conosciuto". Lei ha conosciuto Silvio Berlusconi e ha detto di averlo incontrato almeno tre volte? "Ho già risposto. Sì. Il secondo incontro è stato tra il primo ed il terzo, sempre a Milano in un albergo".
Sui luoghi in cui sarebbero avvenuti, stavolta, offre qualche dettaglio parlando dell'appartamento che era nella disponibilità del cugino ("Non era di proprietà di mio cugino. Ne poteva usufruire per non registrarsi nell'albergo").

2

L'esame di coscienza
Quando Ingroia chiede se nel terzo incontro, del dicembre 1993, potesse escludere che vi fosse Dell'Utri presente, torna nuovamente a rispondere con nervosismo: "Ma se io le dico che non lo conosco... Se fosse presente avrei detto che lo conosco".
Dunque per quale motivo il 24 giugno 2016, nella conversazione in carcere con Adinolfi, avrebbe fatto il nome di Dell'Utri dicendo che anche lui "doveva darsi un esame di coscienza?". "Io questa intercettazione non me la trovo - risponde il boss di Brancaccio - non la metto in dubbio. L'esame di coscienza è perché il suo principale stava approvando leggi incostituzionali per non farmi usciere dal carcere e quindi si faccia l'esame di coscienza che ancora sta a difendere...".
Le risposte vaghe proseguono sui soldi che sarebbero stati in qualche maniera restituiti in minima parte ("parliamo di cifre irrisorie di quel 20% che era stabilito, non ricordo se un milione e mezzo si lire") e sulla società che doveva essere formalizzata ("Procrastinava sempre, prima c'era la scusa di mio nonno. Poi diceva che si stava sistemando tutto. Ma era una scusa. Chi seguiva la cosa se non erro era l'avvocato Canzonieri con mio cugino. C'era la carta privata").
Quindi spiega che in un'altra intercettazione, dove parla di un "disturbo", il riferimento era sempre a Berlusconi perché "era disturbato economicamente giù in Sicilia e si era rivolto a mio cugino se poteva fare qualcosa. E non poteva lui esporsi a far conoscere a qualcuno la nostra situazione. Di Carlo indica che la società era con mio papà che non c'entra niente, ma forse era trapelato qualche cosa. Forse a causa di mio cugino. Ma questa parte del cd non l'ho sentita bene. Prima la ascoltiamo bene e poi entro nei dettagli della risposta".

3

Berlusconi e le stragi
Il controesame si surriscalda quando viene affrontato il tema delle stragi.
La domanda di Ingroia è estremamente chiara e semplice: "Lei il 23 gennaio ha detto al pm: 'indaghi sul mio arresto e troverà i veri mandanti delle stragi'; sempre il 23 gennaio 'gli imprenditori di Milano gli interessava che non si fermassero le stragi' e quando il pm le ha chiesto a chi si riferiva ha detto 'a Silvio Berlusconi'. Quindi lei cosa vuole dire che Silvio Berlusconi è stato uno dei veri mandanti delle stragi?".
Giuseppe Graviano, prima risponde con calma ("Allora io su questa domanda ho già risposto al signor pubblico ministero"), poi accusa la Procura di Palermo di aver "nascosto nei cassetti" per 37 anni il processo sulla morte del Padre ("Se qualcuno in questi 37 anni, siamo arrivati a 38, non ha esercitato la professione con tutti i crismi non continuate a farmi domande a me?"). Ed infine sbotta alzando repentinamente la voce: "Io risponderò dopo che comincerò a vedere i fatti. Prima tutti i responsabili della morte di mio padre e delle persone che ho annoverato. Se c'è qualcuno che è stato fatto a eroe, anche se è vostro collega, voi sapete che la storia ci insegna che a volte le medaglie all'onore vengono tolte. Lì c'è tutto. Si troverà il mio arresto, perché ci sono dei muri di gomma. Roberto Mandalà (il cugino di Gaetano Grado, ndr) stava raccontando la verità su tutto, cominciando dall'agenda e tutte queste cose dall'agenda rossa e lui si è avvalso, disse 'non rispondo perché sono stato minacciato'. A Torino è successa questa cosa. Il presidente lo ha ammonito e lui disse che era meglio prendersi la denuncia. E come mai non è stato denunciato? Come mai che stava dicendo la verità su quello che accadeva dal 1981 in poi, sui 40 anni di bugie che ci raccontate? Basta! Sugnu Stanco! Ancora che mi fa lei domande a me? Andate ad aprire quei cassetti e vedete cosa avete fatto. Andate ancora cercando l'agenda rossa e cu ammazzò u poliziotto. Aprite i cassetti e vedete quello che c'è". E poi ancora: "Io ho risposto al signor pubblico ministero tutto. Ho risposto pure al signor avvocato Ingroia ma mi sembra che stiamo andando un po' oltre".

4

Immediatamente la Presidente della Corte d'assise, Ornella Pastore, richiama l'imputato ricordando che l'avvocato Ingroia "non sta facendo altro che il suo lavoro" e che "le è stata fatta una domanda ben precisa. Se siamo andati oltre, siamo andati oltre anche nelle udienze precedenti. E questo tono lei non si deve permettere di usarlo".
E a quel punto il boss di Brancaccio cede: "Non mi ricordo dottoressa. Io per il momento non mi ricordo".
L’ex pm chiede informazioni anche in merito all’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino. "Voleva che si fermassero le stragi?". Ma anche in questo caso Graviano pesa le parole: "Non posso rispondere". E quando Ingroia chiede se è a conoscenza di un progetto omicidiario nei confronti del ministro Mancino riesplode: "Ho detto al pm che io il nome non ne faccio di nessuno. Quando saprò la verità su quelle persone. Io sto aspettando. Il prossimo anno, tra due, tre anni. Non solo io so le verità. Magari tra dieci, vent'anni. E chi ci sarà, le prossime generazioni, diranno che i magistrati all'epoca non hanno esercitato le professioni con tutti i crismi".

Silenzio su Spatuzza
Altro argomento riguarda poi il collaboratore di giustizia Spatuzza. Ingroia ricorda al boss di Brancaccio che proprio il pentito ha permesso, con le sue dichiarazioni, di scagionare quelli che erano considerati i colpevoli della strage Borsellino. E il capomafia replica: "Per convenienza... ma è inutile che mi fate ora queste domande. Aspetterà le domande del mio avvocato poi potrà farle anche lei".
Per l'ennesima volta, infatti, il carcere di Terni non avrebbe provveduto a dare all'imputato tutti i documenti che gli erano stati spediti. "Questo balletto deve finire" ha detto il procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo affermando che lui stesso invierà a Graviano le trascrizioni che furono fatte dal perito di Palermo, depositate oggi al processo. Tutto rinviato, dunque, all'udienza del 27 febbraio (inizio ore 14.30). L'ultima, forse, per il Graviano show.

Foto © ACFB

ARTICOLI CORRELATI

Ingroia: ''Graviano dice e non dice ma manda messaggi a mondi interni e esterni alla mafia'' - VIDEO

'Ndrangheta stragista: la strategia e il timore di Graviano

Graviano atto terzo: ''Dell'Utri è stato tradito''

'Ndrangheta stragista, Graviano: ''Mi incontrai con Berlusconi da latitante''

Graviano parla: ''Un imprenditore di Milano non voleva che si fermassero le stragi''

'Ndrangheta stragista, ennesimo rinvio per l'esame dell'imputato Graviano

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Camorra
  • Cosa Nostra
  • Gioco D'azzardo
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy