Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Le motivazioni della sentenza: se per un buon fine, trattare con la mafia si può. Come aveva più volte anticipato Report e come avevo scritto nel libro 'Il Patto' (scritto in collaborazione con Nicola Biondo, edito da Chiarelettere ndr). I giudici nelle motivazioni della sentenza affermano che una trattativa c'è stata".Così il giornalista e conduttore di Report Sigfrido Ranucci ha scritto su Facebook in merito alle motivazioni della sentenza di Appello del Processo Trattativa Stato-Mafia.
“'Vito Ciancimino fu contattato, prima da De Donno poi anche da Mori personalmente, sì, certamente per acquisire da lui notizie di interesse investigativo, ma, nel contempo, anche con il dichiarato intendimento di tentare di instaurare, attraverso lo stesso Ciancimino, un dialogo con i vertici mafiosi finalizzato a superare la contrapposizione frontale con lo Stato che i detti vertici mafiosi avevano deciso dopo l’esito del maxi processo e che era culminata già, in quel momento, con la gravissima strage di Capaci'. La corte d'appello di Palermo presieduta da Angelo Pellino, giudice a latere Vittorio Anania, spiega le ragioni che il 23 settembre scorso hanno portato all'assoluzione degli ex ufficiali del Ros Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno nel processo per la "Trattativa Stato-mafia", in primo grado la corte d'assise presieduta da Alfredo Montalto aveva invece condannato gli imputati.
I giudici d'appello confermano che una 'trattativa' ci fu, definiscono 'un'improvvida iniziativa' quella di contattare l'ex sindaco mafioso di Palermo Vito Ciancimino, ma scrivono che l'unica finalità dei carabinieri era quella di fermare le stragi: 'Scartata in partenza l’ipotesi di una collusione dei carabinieri con ambienti della criminalità mafiosa; e confutata l’ipotesi che essi abbiano agito per preservare l’incolumità di questo o quell’esponente politico, deve ribadirsi che, nel prodigarsi per aprire un canale di comunicazione con Cosa Nostra che creasse le premesse per avviare un possibile dialogo finalizzato alla cessazione delle stragi, e nel sollecitare tale dialogo, furono mossi, piuttosto, da fini solidaristici (la salvaguardia dell’incolumità della collettività nazionale) e di tutela di un interesse generale - e fondamentale - dello Stato'.
La sentenza esclude dunque che i carabinieri possano aver fatto promesse di benefici ai mafiosi delle stragi. Scrivono i giudici (gli estensori della sentenza sono il presidente e il giudice a latere): 'Eventuali concessioni a favore dei mafiosi dovevano accompagnarsi alla decapitazione dell’ala stragista, premessa indispensabile per poter giungere ad un accordo con l’ala moderata dell’organizzazione mafiosa, giustamente ritenuta soccombente fino a quando al comando di Cosa Nostra fosse rimasto Salvatore Riina e i capi corleonesi a lui più vicini e fedeli. Una volta decapitata l’ala stragista, con la cattura di Riina e degli altri capi mafia fautori della linea dura di contrapposizione frontale allo Stato - prosegue la sentenza - sarebbe stato pensabile e praticabile un dialogo volto al ripristino di un costume di rapporti effettivamente fondato su una reciproca coabitazione, o almeno sull’abbandono di uno stato di guerra permanente; e un’eventuale proposta di dialogo in tal senso non avrebbe potuto essere interpretata come un segno di debolezza dello Stato - che con la cattura dei capi corleonesi più pericolosi a cominciare ovviamente dal capo di Cosa Nostra avrebbe dato al contrario una grande dimostrazione di forza e della propria capacità di colpire al cuore l’organizzazione mafiosa - e quindi non avrebbe mai potuto corroborare la strategia stragista, rafforzando lo schieramento mafioso che la perseguiva'".

Fonte: facebook.com

Foto © Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Appello Trattativa, Di Matteo: ''Lo Stato ha trattato con la mafia. E' inaccettabile''

E alla fine ''trattativa ci fu''. E fu un'azione ''improvvida'' per il ''bene'' dello Stato
di Aaron Pettinari

Stato-mafia: trattativa libera tutti!
di Lorenzo Baldo


Salvatore Borsellino: ''Trattativa ci fu. Ma su autorizzazione di chi?''

In che Stato


Trattativa Stato-mafia: altri 90 giorni per le motivazioni della sentenza d'Appello

Processo trattativa, sentenza ribaltata

Processo trattativa, le condanne sono solo per i ''soliti'' mafiosi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy