Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I combattimenti continuano negli isolati della città della repubblica popolare di Luhansk

Un attacco aereo ieri pomeriggio ha colpito una cisterna con acido nitrico di un impianto chimico, provocando il rilascio di sostanze tossiche. A tutti i residenti è stato raccomandato di “non uscire dai rifugi”, come comunicato dal governatore della regione di Luhansk, Serhii Haidai.
I fumi acidi sono irritanti per le vie respiratorie. Ad avvelenamenti deboli ci sono segni di bronchite, bronchiolite, capogiro, sonnolenza; con un grave avvelenamento si rischia l'edema polmonare".
Il 30 maggio sono stati occupati dalle truppe di Mosca i villaggi di Dibrova e Stary Karavan che si trovano non lontano dalla città di Krasny Liman, conquistata la scorsa settimana, vicino al fiume Seversky Donets.
Le truppe russe lo avrebbero occupato per decine di chilometri e starebbero minacciando di forzarne l’attraversamento. Tutti i ponti che permettevano il passaggio sono stati fatti saltare in anticipo dalle forze di Kiev, ma la minaccia di costruire un valico costringe il comando ucraino a mantenervi un importante ammassamento di truppe. Superato il fiume, l’occupazione di Slavyansk e Kramatorsk diverrebbe inevitabile.
A sostenere questa eventualità è l’esperto militare Vladislav Shurygin, che intervistato da Izvestia ha precisato inoltre come "la lotta per Severodonetsk si sta muovendo velocemente" e in questo momento eventuali rinforzi ucraini costituiti da veicoli blindati o munizioni non sono in grado di raggiungere la città. Pertanto gli attaccanti “hanno un notevole vantaggio” e i difensori non avranno presto il tempo di ritirarsi.
Un’altra zona dove le ostilità sono attualmente tra le più attive è rappresentata dal triangolo formato dalle città di Lisichansk, Zolote, Bakhmut. Kiev avrebbe attirato nell’area le sue forze più imponenti, inclusa l’artiglieria ricevuta dagli alleati. In una nota del ministero della difesa russo risalente al 30 maggio è addirittura emerso che un drone avrebbe distrutto un pezzo d’artiglieria italiana assieme al plotone che la comandava. Si tratterebbe degli obici FH70 da 155 millimetri in grado di sparare tre colpi al minuto a una distanza che può superare i 25 chilometri.
Durante un briefing del ministero della difesa russo è stato riportato che durante un sopralluogo a Mariupol, nelle strutture sotterranee dello stabilimento metallurgico Azovstal, dove si nascondevano i gruppi paramilitari del battaglione Azov, il personale militare ha scoperto un furgone isotermico, in cui sono stati immagazzinati 152 corpi di militanti morti e militari delle forze armate ucraine.
È trapelato inoltre che durante la giornata, missili ad alta precisione hanno colpito quattro posti di comando, oltre a 13 aree di concentrazione di manodopera ed equipaggiamento militare ucraino. Aerei operativi-tattici, dell'esercito e senza pilota hanno colpito tre posti di comando, 69 aree di concentrazione di manodopera e equipaggiamento militare, stazioni radar e due depositi di armi delle forze armate ucraine nelle aree degli insediamenti di Raygorodok e Nikolaevka della Repubblica popolare di Donetsk. In totale, in seguito agli attacchi aerei, hanno perso la vita fino a 290 soldati di kiev e 23 unità di armi e equipaggiamento militare.
Dall'inizio dell'operazione militare speciale, sono stati distrutti 184 aerei ucraini, 128 elicotteri, 1.070 velivoli senza pilota, 325 sistemistici antiaerei, 3.342 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 454 lanciarazzi multipli, 1.738 cannoni e mortai di artiglieria da campo, oltre a 3311 unità di veicoli militari speciali.

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

Ucraina: Lavrov in Turchia per il grano di Kiev. L'Ue approva embargo al petrolio russo

Ucraina, Putin dice no alla telefonata di mediazione proposta da Erdogan con Zelensky

Guerra Ucraina: nuovo test russo del missile ipersonico Tsirkon

Ucraina: telefonata Putin-Draghi, il leader russo assicura forniture di gas all’Italia

Ucraina: Mar d'Azov in pieno controllo dei russi, ma rallenta la loro offensiva

Ucraina: Medvedev boccia il piano Italiano per la pace. A Mariupol trovati 200 cadaveri

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy