Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Papa Francesco: "Maggior trasparenza e controlli più efficaci"

Più controlli e maggior visibilità dell'Obolo di San Pietro "in modo che il Popolo di Dio che aiuta con la sua generosità a sostenere la missione del Vescovo di Roma possa farlo con la fiducia che i suoi contributi siano amministrati in maniera adeguata, trasparente e con l'esercizio dei dovuti controlli". Papa Francesco ha pubblicato un nuovo Motu Proprio con il quale converte in legge ciò che aveva già scritto nella lettera del 25 agosto scorso al Segretario di Stato. "Questo Motu Proprio rappresenta un altro passo importante nella riforma della Curia. La decisione arriva prima del 1 gennaio, per l'implementazione nel budget del 2021", spiega il Vaticano. "La Commissione istituita dal Pontefice per il passaggio delle funzioni economiche e finanziarie dalla Segreteria di Stato all'Amministrazione del Patrimonio della Santa Sede, per la gestione, e alla Segreteria per l'Economia, per il controllo, che ha lavorato nelle ultime settimane, continuerà a precisare alcuni dettagli tecnici fino al 4 febbraio, come era previsto", spiega ancora la Santa Sede. La "nuova legge viene a ridurre il numero di responsabili economici nella Santa Sede e a concentrare l'amministrazione, la gestione e le decisioni economiche e finanziarie nei Dicasteri rispondenti allo scopo. Con essa, - ragguaglia la nota del Vaticano - il Santo Padre vuole procedere ad una migliore organizzazione della Curia Romana e a un funzionamento ancora più specializzato della Segreteria di Stato, la quale potrà con maggior libertà aiutare Lui ed i Suoi successori nelle questioni di maggiore rilevanza per il bene della Chiesa. Il cosiddetto "Ufficio Amministrativo" della Segreteria di Stato, dato che non avrà più da gestire o decidere su fondi ed investimenti, ridimensiona le sue funzioni"."Il Motu Proprio stabilisce un maggior controllo e una migliore visibilità dell'Obolo di San Pietro e dei fondi che procedono dalle donazioni dei fedeli. Inoltre, si rinforzano controlli specifici su alcuni Enti relazionati alla Santa Sede che gestiscono conti e fondi provenienti da donazioni. Con queste decisioni - annota ancora il Vaticano - il Santo Padre esprime il Suo personale impegno, e quello della Curia Romana, per una maggiore trasparenza, una più chiara separazione di funzioni, una maggiore efficacia nei controlli e un maggior adeguamento dell'economia della Santa Sede alla missione della Chiesa”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

In difesa di Papa Francesco

Sacerdoti, nobili, e intellettuali si scagliano contro Papa Francesco: ''E’ un eretico, andrà all’Inferno''

Papa Francesco ai mafiosi: “convertitevi!”

Papa Francesco: ''I mafiosi non hanno nulla di cristiano, finiranno male''

Papa Francesco contro i mafiosi: ''Convertitevi! O la vostra vita andrà persa''

A sostegno di Papa Francesco

Papa Francesco contro la mafia, Bongiovanni: ''Messaggio politico della chiesa alla mafia''

Papa Francesco e la lotta alla mafia

Il Pm Gratteri: “Papa Francesco nel mirino della 'Ndrangheta”

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy