Lunedì i dettagli e gli approfondimenti raccontati nella trasmissione ‘Report’

Nella sua disperata corsa contro il tempo per la ricerca della verità sull’attentato che strappò la vita all’amico e collega Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo e alla loro scorta, Paolo Borsellino avrebbe iniziato a battere la pista che vede in simbiosi, in qualità di esecutori e mandanti, mafiosi, neofascisti e agenti dei servizi segreti. E’ questo il nuovo dettaglio che emerge a ormai 30 anni dall’”Attentatuni”. A raccontarlo è l’estremista Alberto Volo, professore palermitano, un tempo allievo ufficiale paracadutista della Folgore a Pisa, e personaggio chiave degli intrecci tra servizi segreti ed eversione nera, in un verbale inedito rilasciato nel luglio 2016 ai sostituti procuratori di Palermo Nino Di Matteo e Roberto Tartaglia, due dei quattro pm che indagavano sulla Trattativa Stato-mafia. Il dato era già stato riportato durante la trasmissione di ‘Report’ andata in onda il 24 gennaio scorso e che lunedì prossimo approfondirà i temi trattati nella puntata di lunedì scorso: la sovrapposizione della ‘pista nera’ con quella mafiosa nelle stragi. Volo, classe 1948 deceduto il 23 settembre 2020, ai magistrati palermitani raccontò di un incontro avuto con Borsellino nel giugno 1992, a cavallo tra la bomba di Capaci e quella che il 19 luglio lo ucciderà in via d’Amelio insieme alla scorta. Volo racconta di essersi visto con il magistrato a Trapani in un locale non lontano dallo svincolo autostradale. Di questo incontro non c’è nulla nell’agenda grigia di Borsellino, ma non è da escludere che possa essere stato appuntato in quella rossa, sottratta da mani non mafiose il giorno della sua morte. Ad ogni modo, l’estremista di destra si sarebbe rivolto a Borsellino che era “l’unica persona che poteva chiarire. Ero disposto - raccontò - a fare l’esca, perché sono convintissimo che ci fosse un unico filo rosso legato a quello, che l’ordine fosse partito da Roma, convinto di nome e cognome del mandante. Proprio convinto!”. Volo si diceva convinto dell’esistenza di burattinai, di mandanti esterni alla mafia della strage del 23 maggio. E affermò che il magistrato era stato della stessa idea. Il periodo era lo stesso in cui il magistrato, riferendosi all’attentato, pronunciò l’indelebile frase “in questo momento, oltre che magistrato, sono testimone”, anticipando la sua volontà di andare a farsi sentire a Caltanissetta sulle informazioni di cui era venuto a conoscenza in quelle settimane.


tartaglia report gladio vid


Gli dissi quello che io temevo e scoprii - ha detto Volo ai pm - che lui era praticamente sulla stessa linea di pensiero, assolutamente. Soprattutto che non credeva assolutamente alla teoria del bottoncino” ossia quella secondo la quale fu Giovanni Brusca, oggi pentito, a premere il pulsante che azionò l’esplosivo di Capaci.

Secondo Volo, quindi Borsellino non credeva, come lui, alla formula della matrice esclusivamente mafiosa dell’attentato di Capaci.  Ai magistrati di Palermo Volo ha raccontato di essere stato agganciato e addestrato in quel periodo alle Canarie da un’organizzazione paramilitare. Dopo aver collaborato con Giovanni Falcone che stava indagando sull’omicidio Mattarella, tema della puntata di Report, insieme alla strage del 2 agosto ’80 a Bologna, tra il 1989 e il 1990 era andato in Spagna, su consiglio di Falcone, a suo dire, per poi tornare in Italia dopo la strage di Capaci per cercare di capire quel che stava accadendo in Sicilia. A Tartaglia e Di Matteo l’estremista ha riferito di aver svolto una sorta di sua indagine personale con tanto di sopralluogo a Capaci. L’estremista di destra era convinto che quella strage non poteva essere solo frutto dei corleonesi di Totò Riina. Volo, a partire dal 1989, aveva incontrato Giovanni Falcone molte volte. Racconta ai pm di averlo visto prima in un appartamento del centro di Palermo per poi verbalizzare le sue dichiarazioni sui suoi rapporti con un’organizzazione paramilitare simile a Gladio di nome ‘Universal Legion’. A Falcone, il professore aveva parlato delle confidenze ricevute, a suo dire, dall’estremista nero Francesco Mangiameli, altro personaggio toccato da “Report”, sull’omicidio Piersanti Mattarella. Poco prima di essere ucciso da Valerio Fioravanti nel settembre 1980, Mangiameli gli avrebbe confidato che “l’omicidio Mattarella era stato deciso a casa di Licio Gelli” e che ad uccidere il politico siciliano sarebbero stati i terroristi Gilberto Cavallini e Valerio Fioravanti stesso. Sul movente sempre Mangiameli “mi precisò che l’omicidio era stato provocato dalle aperture al Partito Comunista in quel periodo in Sicilia di cui Mattarella era il principale sostenitore”.


falcone borsellino report vid


Ma i giudici che hanno assolti Cavallini e Fioravanti da queste accuse non hanno sposato questa pista. Tuttavia “Report” però ha ricordato l’audizione di Falcone alla Commissione Antimafia del 22 giugno del 1990 in cui si comprende che il magistrato credeva alla pista nera per quel delitto. Stefano Alberto Volo è il migliore amico di Francesco Mangiameli - disse in trasmissione il magistrato Roberto Tartaglia - quello che Volo alla fine verbalizza con Giovanni Falcone, in estrema sintesi, è che lui ha saputo da Mangiameli che l'omicidio di Piersanti Mattarella è stato realizzato da Fioravanti e da Cavallini. E che questa decisione nasce da una volontà politica e massonica che ascrive direttamente” in quei verbali “alla volontà di Licio Gelli di arginare definitivamente l'apertura a sinistra della Democrazia Cristiana e di interrompere il nuovo tentativo di riprendere il vecchio discorso lasciato tragicamente in sospeso con il sequestro Moro”. “Le indagini di Falcone su Mattarella - disse l’ex procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato - segnano una svolta nella sua vita. Fino a quel momento lui si era guadagnato l'inimicizia dalla mafia, dei riciclatori della mafia, ma con le indagini dell'omicidio Mattarella si aggiunge anche un altro nemico: e cioè quel sistema criminale che era stato protagonista della strategia della tensione”.


scarpinato report gladio vid


Guarda il video: Gladio, l’omicidio Mattarella, la bomba di Capaci e l'agenda rossa di Borsellino

ARTICOLI CORRELATI


Progetto eversivo dietro le stragi, Report racconta la ''Bestia nera''

Capaci: Paolo Borsellino credeva ai mandanti esterni della strage

Falcone e la memoria tradita

Traditi, uccisi, dimenticati
di Saverio Lodato

''Falcone e Borsellino: due simboli della giustizia per il mondo intero''
di Lorenzo Baldo

''Falcone e Borsellino: Uccisi, Traditi, Dimenticati. Trent'anni dopo le stragi'' - DOCUVIDEO

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy