Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Relazione Dia: "Uso indiscriminato di violenza"
di AMDuemila
"Spesso irregolari, i cittadini nigeriani sono oggi stanziati su tutto il territorio nazionale, con una presenza importante anche nelle isole maggiori (Sicilia e Sardegna), in particolare a Palermo e Cagliari, dove hanno trovato un proprio spazio, anche con il sostanziale placet di Cosa Nostra (riferendoci al territorio siculo). Questi gruppi o Cults sono organizzati in maniera verticistica, al cui interno ognuno riveste il proprio ruolo". E' così che la Direzione Investigativa Antimafia descrive l'ascesa della criminalità nigeriana nella relazione semestrale, presentata in Parlamento nei giorni scorsi. Tornando a parlare di "Cults" gli analisti spiegano che "nel tempo sono stati in grado non solo di avviare importanti sinergie criminali con le organizzazioni mafiose autoctone, ma di diventare essi stessi associazioni di stampo mafioso, perseguibili ai sensi dell'art.416 bis c.p". Una vera e propria "mafia" connotata dal vincolo associativo, dalla forza di intimidazione, dal controllo di parti del territorio e dalla realizzazione di profitti illeciti e che, "nonostante la pluralità dei gruppi e cults che la compongono, si presenta compatta e con una fisionomia del tutto peculiare".
A questa connotazione si vanno ad aggiungere la componente mistico-religiosa, i codici di comportamento ancestrali e l'uso indiscriminato della violenza. "La criminalità nigeriana - si legge nel report - risulta molto attiva nel traffico di stupefacenti, nella tratta di esseri umani finalizzata allo sfruttamento della prostituzione, con implicazione di ulteriori fattispecie criminose quali l'immigrazione clandestina e la riduzione in schiavitù". Una parte dei proventi delle attività illegali resta nel nostro Paese, come spiegato ancora dalla Dia, per lo più viene però inviata nel paese di origine (attraverso canali informali o money transfer) dove le mafie locali la reinvestono in attività illecite nonché per le spese connesse alla 'filiera' dello sfruttamento sessuale.
Ma non è tutto: "Costituiscono un fattore di coesione molto elevato le ritualità magiche e fideistiche che, unite al vincolo etnico e alla forte influenza nella gestione da parte delle lobby in madrepatria, producono un forte assoggettamento psicologico, usato solitamente per lo sfruttamento della prostituzione di giovani donne costrette in schiavitù da dove è difficilissimo svincolarsi" si legge nella relazione. Le ragazze da avviare alla prostituzione vengono avvicinate e convinte attraverso la madame o 'maman', che ha la funzione di individuare giovani connazionali interessate all'espatrio, con false promesse di lavoro, per poi consegnarle a chi materialmente le porterà in Europa e, quindi, anche in Italia dopo riti di iniziazione chiamati 'juju', simili al voodoo. "Per la gestione dei traffici di droga, la criminalità nigeriana si è ritagliata, nel nostro Paese, un proprio 'microcosmo' - conclude il report - per lo più estraneo da contrapposizioni con la criminalità organizzata autoctona, instaurando pertanto una sorta di 'convivenza' reciprocamente accettata. Oltre che nell'importazione i nigeriani sono molto attivi anche nella commercializzazione".

Scarica il PDF della 1° relazione semestrale: Clicca qui!

ARTICOLI CORRELATI

Cosa nostra e quel rinnovato asse Palermo-Usa

Relazione Dia: ''Cosa nostra etnea ha una posizione nodale per la Regione''

Relazione Dia: ''zona grigia'' tra mafia pugliese, imprenditoria e istituzioni pubbliche

Relazione Dia: ''Cosa nostra subdola e silente concentrata negli affari''

Relazione Dia: ''Messina Denaro, il superlatitante carismatico che comanda su Trapani''

Rapporto Dia: ''Dopo morte Riina rischio nuovi atti di forza''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy