Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sono passati 39 anni dalla tragica notte in cui la mafia - e non solo - in via Isidoro Carini, a Palermo, uccise l’allora prefetto del capoluogo siciliano Carlo Alberto dalla Chiesa, la moglie Emanuela Setti Carraro e l'agente scelto della Polizia di Stato Domenico Russo.
Stamane sul luogo dell’agguato sono state deposte corone di alloro. Una cerimonia molto istituzionale, corredata dalla presenza, fra gli altri, del sottosegretario agli Interni Nicola Molteni in rappresentanza del governo nazionale, il comandante generale dell'Arma dei Carabinieri Teo Luzi, il vice presidente della Regione Siciliana Gaetano Armao, il presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè, l'eurodeputata Caterina Chinnici, il senatore Piero Grasso, il deputato regionale Pd Giuseppe Lupo, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il presidente della Corte d'Appello Matteo Frasca, il presidente del Tribunale di Palermo Antonio Balsamo, il procuratore aggiunto Salvatore De Luca e i comandanti delle forze dell'ordine. Ad unirsi alla cerimonia è stato anche Vincenzo Agostino, padre dell'agente Nino anch’esso ucciso dalla mafia - e non solo - il 5 agosto 1982.
Dopo 39 anni “dal barbaro assassinio del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, della sua giovane moglie, Emanuela Setti Carraro, e dell'agente di scorta Domenico Russo, restano intatte la commozione e la gratitudine per chi ha sacrificato la vita per il bene della Sicilia e dell'Italia intera”. Con queste parole Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone, ha ricordato il triplice omicidio consumatosi in via Isidoro Carini il 3 settembre dell’82. “Sul luogo della strage, un cittadino scrisse: 'Qui è morta la speranza dei palermitani onesti'. Quel cittadino si sbagliava. Il sacrificio del generale non è stato vano: ha scosso le coscienze e spinto tanti altri esponenti delle istituzioni a proseguire lungo la strada da lui indicata". "Carlo Alberto dalla Chiesa - ha aggiunto la presidentessa della Fondazione Falcone - è stato e rimarrà sempre un esempio d'amore per il Paese a cui ha dedicato tutta la sua vita: dalla lotta partigiana contro i nazifascisti all'impegno contro il banditismo, contro il terrorismo e contro la mafia. A noi il compito di mantenerne vivo il ricordo e di trasmetterlo alle nuove generazioni".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Dalla Chiesa, Padre della Patria e martire

L'omicidio del Generale Carlo Alberto dalla Chiesa e le ombre dello Stato-Mafia

Carlo Alberto dalla Chiesa: non dimentichiamolo!

Dalla Chiesa, il Generale ucciso dallo Stato

Dalla Chiesa-Borsellino: ''Stragi di Stato''

Nuovo mistero sul generale dalla Chiesa, trafugata la sua borsa in pelle

“A Palermo per morire. I cento giorni che condannarono il Generale Dalla Chiesa”

Il mio ricordo del generale dalla Chiesa

Ricordare Dalla Chiesa, padre della Patria, alla ricerca dei mandanti esterni

Dalla Chiesa, in via Carini un omicidio di Stato

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy