Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Approfittando della pandemia da Covid, e con la scusa che ce lo chiede l'Europa, il governo Draghi, con la sua forte maggioranza politica parlamentare, sta facendo passare una riforma della giustizia davvero pericolosa". E' quanto sottolinea in una nota il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. "La questione - spiega - è questa: se i processi in appello non si concludono entro un certo tempo, impossibile da rispettare per come è messo il sistema giudiziario, si cancellano. Un'amnistia di fatto, un colpo di spugna che ricorda i tentativi di cancellare i processi dell'epoca di tangentopoli. La politica sa perfettamente che oggi non si può, per carenze di organico, garantire la chiusura dei processi nei tempi previsti dalla riforma Cartabia. Si cancelleranno processi di mafia, di corruzione, di violenze sessuali, omicidi sul lavoro, di tutto di più. In uno Stato di diritto forte la politica si dovrebbe impegnare a garantire effettivamente una ragionevole durata dei processi, non cancellando invece i processi perché non si mette in condizione la macchina giudiziaria di realizzare processi in tempi giusti". "Si dovrebbe garantire una maggiore parità tra accusa e difesa - prosegue - ridurre l'uso della custodia cautelare ed applicare con rigore la certezza della pena dopo la sentenza definitiva di condanna. E' da dire che se oggi la politica, in vista del fiume di denaro pubblico che sta arrivando e che ci auguriamo non venga depredato come spesso accade, crea di fatto l'impunità a persone già condannate in primo grado per fatti gravi, è anche colpa di una certa magistratura che si è resa responsabile di un crollo etico senza precedenti. Purtroppo - conclude il sindaco di Napoli - questa riforma produce passi indietro enormi nella lotta alla mafia e alla corruzione, senza invece garantire passi avanti per uno stato di diritto sempre più costituzionalmente orientato".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Riforma Giustizia, Teresi: ''Con queste regole il processo Trattativa sarebbe già morto''

Nino Di Matteo, riforma della Giustizia: ''Sarà ostacolata la lotta alla mafia''

Riforma della giustizia: in atto l'eterno tentativo di una classe politica indecente di salvare ladri

Antonio Ingroia: ''Riforma Cartabia è eversiva dell’ordine costituzionale''

Giustizia: per Gratteri la riforma ''è un favore alle mafie''

La ministra Cartabia è televisivamente simpatica, però esagera

Riforma Giustizia, Teresi: progetto scellerato

Riforma giustizia, Ardita: ''Meno carcere e più pene alternative? Rischio deriva criminogena’'

Riforma della giustizia, Scarpinato: il partito dell'illegalità ringrazia

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy