Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

È molto cambiato, io con lui andavo d'accordo, ma sono stato anche molto duro

"Se pensate che Putin si fermerà, andrà sempre peggio. Non lo accetterà e non abbiamo nessuno che gli parli. Avevate qualcuno che poteva parlare con lui ed ero io". A dirlo è l'ex presidente americano, Donald Trump, in un passaggio del suo comizio a Florence, nella Carolina del Sud, dedicato alla crisi in Ucraina. Trump, riportano i media americani, ha criticato la gestione da parte del presidente Joe Biden del ruolo degli Stati Uniti nel conflitto tra Russia e Ucraina, dicendosi convinto della possibilità che possa scoppiare una terza guerra mondiale. E ha aggiunto: "Nessuno mai è stato più duro di me con la Russia. Sono quello che ha fermato l'oleodotto, che ha imposto tutte le sanzioni e che non ha attaccato durante la nostra Amministrazione". L'ex presidente ha quindi sottolineato di essere stato "l'unico presidente in quasi quattro decenni a non portare l'America in nuovi conflitti".

Il Tycoon, che vantava una grande amicizia con Putin, oggi, a distanza di un anno dalla fine del suo mandato, ha cambiato idea sul suo ex omologo russo. “È molto cambiato, io con lui andavo d'accordo, ma sono stato anche molto duro”, ha affermato. “Sono sorpreso, pensavo stesse trattando quando ha mandato le sue truppe sul confine, pensavo stesse trattando”, ha aggiunto. "Pensavo che stesse cercando di ottenere un buon accordo come fanno tutti con gli Stati Uniti, come fanno con gli accordi commerciali, noi non siamo mai riusciti ad ottenere un buon accordo commerciale fino a quando sono arrivato io", ha detto ancora Trump, non perdendo l'occasione per rivendicare quelli che considera i successi della sua amministrazione e screditare i suoi predecessori e l'attuale presidente Joe Biden. "Ma poi ha invaso - ha aggiunto tornando a parlare del capo del Cremlino - credo che sia cambiato, è una cosa triste per il mondo, è molto cambiato". "Io con lui andavo molto d'accordo, come del resto con la maggior parte dei leader - ha continuato - ma sono stato molto, molto duro con Putin, sono stato critico sulla questione del gasdotto - ha concluso riferendosi a Nord Stream 2 - e raccolto miliardi e miliardi nella Nato per proteggere prima di tutto l'Europa dalla Russia".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

La grande alleanza Putin-Trump VS il Deep State

L'Italia è in guerra
di Giorgio Bongiovanni

Crisi Ucraina, con le armi vincono solo i mercanti della morte
di Giorgio Bongiovanni

Lettera aperta al Presidente Putin
di Vauro Senesi


Atomica e Terza Guerra Mondiale, le analisi di Giulietto erano vere e tuonano come non mai
Giorgio Bongiovanni intervista Giulietto Chiesa

L'Italia in prima linea nella guerra in Ucraina

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy