Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La rivista e il movimento culturale in *conferenza stampa su ergastolo ostativo, legge sui collaboratori di giustizia e segreti di Stato

“E la Mafia? Memoria, informazione e cultura per ricordare le stragi e rimuovere i segreti di Stato”. Questo è il titolo della conferenza stampa che avrà luogo domani dalle ore 14 alle ore 15 presso Palazzo Montecitorio. Ospiti dell’evento saranno Aaron Pettinari, caporedattore di ANTIMAFIADuemila, Sonia Bongiovanni e Marta Capaccioni, rispettivamente direttrice e caporedattrice del Movimento Culturale Our Voice. Al centro del dibattito ci saranno vari temi sul fronte del contrasto al crimine organizzato. Primo su tutti la questione del 41bis e dell’ergastolo ostativo che, a seguito di un breve “rewind” storico sulle stragi di mafia, verranno analizzati in vista anche, e soprattutto, della recente scarcerazione del collaboratore di giustizia Giovanni Brusca. Inoltre, i relatori approfondiranno e analizzeranno anche l’attuale permanenza dei sigilli di Stato su pagine buie della storia della nostra Repubblica quali la Strage di Capaci (commemorata lo scorso 23 maggio) e quella di Via d’Amelio in cui persero la vita i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e i rispettivi 8 agenti di scorta. Stragi di cui ancora hanno solo verità parziali e quindi verità negate. Spiegheranno anche come l’attuale fase storica è ancora oggi una fase emergenziale nel contrasto al crimine organizzato. E come la mafia rappresenti ancora un fenomeno che mina la stabilità della democrazia del nostro Paese e non solo. Ci si appellerà infine alle responsabilità politiche dell’intero Parlamento ponendo domande e quesiti affinché la politica inserisca il contrasto alla criminalità organizzata in vetta all’agenda politica; affinché la cattura del superlatitante di Cosa nostra Matteo Messina Denaro sia interesse di tutti e non impegno costante di pochi; affinché il Parlamento rivaluti profondamente la decisione della Consulta circa l’incostituzionalità dell’ergastolo ostativo ai boss mafiosi (legge ideata dal giudice Falcone); e per far sì che la Politica dimostri concretamente, applicando leggi in linea e principio con la Costituzione, la creazione di “vaccini” anti-mafia e non solo anti-Covid.

* Per rivedere gli interventi, scorrere il cursore del video verificando tramite l'anteprima il momento esatto. A breve pubblicheremo il video di nostra produzione.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

E la mafia?

Libertà condizionale ai boss, il governo cede sull'ergastolo

Dal carcere ai domiciliari: la speranza dei boss stragisti di fronte al silenzio di Governo

Il ministro del governo del (non) cambiamento e i mafiosi al 41 bis

La mafia al tredicesimo posto? Il Governo dà i numeri

Si insedia il governo Conte. Cosa ne sarà della lotta alla Mafia?

Gli oracoli di casa nostra e il nuovo governo di Centro Destra che verrà

Governo Di Maio-Salvini: no mafia!

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy