Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ora gli sia restituita la libertà

Il fondatore di Wikileaks Julian Assange non sarà estradato negli Stati Uniti, finalmente una luce squarcia questi mesi bui e terribili. Assange è detenuto in condizioni disumane, con gravi rischi per la sua salute e la sua vita, da anni. La sua colpa di fronte al Potere è quella di essere un faro di libertà e di giornalismo libero, di aver illuminato e diffuso i documenti delle atrocità, dei crimini e delle illegalità del complesso militare statunitense e non solo.

Il tribunale di Londra ha motivato il rifiuto all’estradizione con i gravissimi rischi per la vita che Assange correrebbe in caso di deportazione nelle carceri USA, il fondatore di Wikileaks rischierebbe persino - scrivono i giudici - il suicidio. In questi anni abbiamo aderito alla mobilitazione internazionale di denuncia delle condizioni di detenzione e gli allarmi per la sua vita, lo Studio Legale Ingroia ha collaborato negli anni scorsi con il suo collegio difensivo schierandosi senza se e senza ma con la libertà e la difesa dei più importanti diritti civili e umani.

La notizia di oggi per noi deve avere ora una sua naturale evoluzione con la restituzione della libertà a Julian Assange e la fine dell’illegale detenzione e di ogni persecuzione, puramente politica. I cabli resi noti da Wikileaks svelano verità e retroscena anche sull’Italia, basti pensare che anche le alte connivenze sul criminale sistema che ha devastato la “Terra dei Fuochi” sono documentate, e sulle vicende internazionali che la coinvolgono a partire dalla guerra in Iraq.  La sua situazione è simbolo della cancellazione delle libertà fondamentali e dei diritti umani fondamentali in questa nostra epoca, come ha affermato il regista e giornalista britannico John Pilger secondo cui se non si smuoveranno tutte le vere coscienze democratiche prima o poi ci sveglieremo “sotto il silenzio di un nuovo tipo di tirannia” perché “il pericolo per Julian Assange può facilmente estendersi ai redattori di molti altri giornali e media che hanno pubblicato rivelazioni di WikiLeaks sulle bugie e sui crimini dei nostri governi”. Già tre anni fa il relatore speciale ONU sulla tortura Nils Melzer ha denunciato che le restrizioni a cui Assange è costretto causano un gravissimo deterioramento della sua salute, la madre ha accusato la detenzione del figlio un “lento e crudele assassinio”.  Due anni dopo averlo visitato in prigione sempre Melzer denunciò che “è stato sottoposto a torture psicologiche per un periodo prolungato” e ha successivamente accusato il Regno Unito di “totale disprezzo per i diritti e l’integrità del signor Assange” e che gli stanno facendo “pagare il prezzo per aver denunciato una grave cattiva condotta governativa, inclusi presunti crimini di guerra e corruzione”. Se questa disumana e arbitraria detenzione non cesserà, la sua conclusione,  con la continua esposizione ad abusi e arbitrarietà la vita di Assange è in serissimo pericolo.

Dopo il rifiuto all’estradizione negli Stati Uniti la mobilitazione internazionale con ancor più forza si rilanci e dobbiamo essere sempre di più a gridare forte: Assange libero!

Azione Civile e il suo fondatore e presidente Antonio Ingroia

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy