Soldi delle estorsioni ai dipendenti, ai quali sarebbe stato imposto per anni il "cavallo di ritorno" sugli stipendi, e la scia lunga di un omicidio, messo in atto nel giorno di Ferragosto: la Direzione investigativa antimafia, su disposizione del procuratore della Repubblica facente funzioni di Agrigento, Salvatore Vella e del sostituto Gloria Andreoli, ha eseguito un sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente in danno al patrimonio di una imprenditrice favarese, Giusy Barba, 40 anni, indagata per i reati di appropriazione indebita ed auto riciclaggio. I sigilli sono stati messi a 10 immobili e 2 conti correnti bancari, per un valore complessivo di 750mila euro. I soldi sarebbero stati riciclati e fatti sparire nelle casse degli amministratori della Suami, società onlus che si occupava di assistenza a disabili e anziani e già finita al centro di due inchieste che avrebbero accertato maltrattamenti agli ospiti e pizzo ai lavoratori. Le operazioni sarebbero state compiute insieme all'ex marito Salvatore Lupo e all'ex suocera Rosa Sferrazza, entrambi deceduti. La donna è morta per cause naturali mentre Lupo è stato ucciso il giorno di Ferragosto, freddato a colpi di pistola in un bar: per l'omicidio, che si incrocia con l'indagine che ha portato al sequestro, è stato arrestato Giuseppe Barba, padre di Giusy. I dettagli della vicenda sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa in procura alla quale hanno preso parte il capo dell'ufficio Salvatore Vella, il pm Gloria Andreoli e il capo sezione della Dia Roberto Cilona. "Le indagini sull'omicidio svolte dai carabinieri - ha spiegato il procuratore Vella - hanno dato conferma all'ipotesi investigativa secondo cui i beni della Suami erano stati fatti sparire in modo illecito attraverso operazioni di riciclaggio. Ad ammetterlo, con una nota nella quale si spiegava che la vendita di un immobile era stata solo simulata, sono stati gli stessi legali di Giusy Barba che l'hanno messo per iscritto nell'ambito di un contenzioso civilistico fra gli ex coniugi che ha portato a contrasti economici cosi' forti che sono sfociati nell'omicidio di Salvatore Lupo. L'indagine conferma e rafforza il movente del delitto". I sigilli sono stati apposti a dieci immobili e due conti correnti bancari. "Per appropriarsi dei beni - ha aggiunto Vella - Giusy Barba finge di cedere il lussuoso palazzo Cafisi, a Favara, alla stessa Suami. Viene simulato un preliminare di vendita con una caparra di 700 mila euro che verra' incassata dall'indagata perche' la vendita non sarà mai perfezionata". Il procuratore ha aggiunto: "La circostanza sarà confermata pure per iscritto dai legali della donna perche' presto si apre uno scontro fra gli ex coniugi nella spartizione del patrimonio. La Suami, arricchita dai soldi delle estorsioni ai dipendenti, viene poi svuotata pure di un immobile in viale Cannatello. Le indagini sull'omicidio ci consentono di ottenere ulteriori documenti che confermano l'ipotesi". "Se fossero arrivate le denunce dei dipendenti vessati sarebbe stato più semplice arginare e prevenire una serie di condotte criminali. Purtroppo le difficoltà ataviche nel fare impresa e le difficoltà economiche in generale di questa provincia rendono assai complicato che tutto ciò avvenga", ha detto il capo della Dia Roberto Cilona che ha aggiunto: "E' stato molto difficile ricostruire i capitali della società e degli indagati, da questi capitali si stava era sviluppata un'economia illecita".

ARTICOLI CORRELATI

Sequestrati beni per un mln di euro a due fratelli ritenuti vicini a Cosa Nostra

Armi e droga: operazione nel Vulture-Melfese svela legami tra mafia albanese e lucana

Le mani della 'Ndrangheta sul traffico di rifiuti: trentuno arresti nel crotonese

Relazione Dia: Sacra Corona Unita, il volto della mafia imprenditrice

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy