Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Secondo il magistrato “il Ros aveva il dovere di riferire alla procura e non di cercare coperture dalla politica

Non siamo pronti per conoscere e accettare laicamente cosa realmente accadde nel biennio delle stragi, abbiamo delegato la ricerca della verità ai giudici e solo i nostri pronipoti riusciranno a capire cosa è accaduto in Italia dal 1992 al 1994”. A dirlo al quotidiano La Repubblica, è Alfonso Sabella, ex magistrato del pool antimafia di Palermo che catturò i capi mafia Giovanni Brusca, Leoluca Bagarella e Pietro Aglieri. Intervistato sul tema della sentenza di appello del processo Trattativa Stato-mafia, l’attuale giudice a Napoli ha affermato: “Ho letto di sconfitta, disfatta della procura di Palermo. Nulla di tutto questo è successo. I giudici d’Appello hanno confermato l’esistenza della trattativa, della minaccia di Cosa nostra allo Stato e dell’interlocuzione del Ros con i mafiosi. La ricostruzione è confermata, è mancato l’elemento soggettivo nei confronti degli uomini di Stato. La loro assoluzione dimostra che agirono per la ragion di Stato e non per minacciare il corpo politico dello Stato”, ha spiegato. Alla domanda riguardo al fatto che i Carabinieri agirono al di fuori del perimetro investigativo il magistrato ha detto che “dobbiamo ripensare all’Italia nel 1992, vorrei ricordare l’espressione del viso atterrita dell’ex presidente della Repubblica Carlo Azelio Ciampi nel 1993 sul luogo delle bombe a Firenze. Eravamo un Paese in ginocchio ed è chiaro che l’intelligence, in questo caso il Ros, cercò di fermare le bombe. Possiamo discutere se fosse opportuna, se fossero loro i soggetti deputati, ma per chiedere una condanna vanno dimostrati i rilievi penali sui singoli comportamenti”. Sempre sul tema, in particolare sulla possibilità che gli imputati del processo appartenenti al Ros agirono da soli
Sabella ritiene “irreale pensare che si sia trattato di iniziativa autonoma di tre ufficiali, rimane da capire chi diede loro l’input. Ecco, questo è ciò che manca nel processo. Detto questo l’intervento del Ros fu un grave errore strategico politico ed etico. Fu sbagliato far capire alla mafia che lo Stato era pronto a scendere a patti”. “Per catturare Bagarella, Brusca o Aglieri, - ha sottolineato Sabella - non sono sceso a patti con nessuno”. Il processo e le indagini, a detta del magistrato siciliano, “ci hanno consegnato una ricostruzione puntuale di quanto è successo e le condanne dei boss dimostrano che andava fatto. È mancato l’elemento soggettivo per gli ex ufficiali dell’Arma. Il concetto del non potevano non sapere non è stato sufficiente. Va detto che il Ros aveva il dovere di riferire alla procura e non di cercare coperture dalla politica”.
In conclusione Sabella risponde a come può il Paese arrivare alla verità piena sulla trattativa.
Solo una commissione parlamentare d’inchiesta che abbia i poteri dell’autorità giudiziaria, ma non sia legata a dover dimostrare le singole condotte delittuose può far luce su quegli anni”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Sentenza trattativa: le domande di Pablo Ernesto

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy