Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il 25 settembre 1979 a Palermo veniva ucciso il magistrato Cesare Terranova. Assieme a lui venne assassinato anche il maresciallo Lenin Mancuso, sua guardia del corpo e collaboratore.
Negli anni Sessanta Terranova aveva istruito i più importanti processi di mafia. Eletto al Parlamento come indipendente aveva fatto parte della Commissione antimafia. Ritornato a Palermo tornò a prendersi cura dei Corleonesi. Per il suo delitto è stato incriminato Luciano Liggio, assolto. Successivamente sono stati condannati come mandanti i capi della cupola.
Cesare Terranova fu il primo magistrato a mettere per iscritto - nella sentenza istruttoria per la strage di viale Lazio, avvenuta il 10 dicembre 1969 - il rapporto Mafia-Politica: e cioè che gli amministratori comunali di quel tempo rappresentavano il centro organico della nuova mafia.


mancuso terranova mont

Aveva sostenuto l’accusa nel processo contro Liggio, Totò Riina, Bernardo Provenzano e Calogero Bagarella, che si tenne a Bari nel 1969 e - come spesso capita - venne sconfitto: la sentenza fu di assoluzione per quasi tutti gli imputati, di cui anni dopo si certificò il ruolo di assassini e stragisti. La storia di Terranova è la metafora di un magistrato che non viene creduto in vita per le sue grandi intuizioni, e poi viene riabilitato da morto dopo aver pagato con la vita per quelle intuizioni.

Foto di copertina © Letizia Battaglia

ARTICOLI CORRELATI

Quarantuno anni fa la morte di Cesare Terranova, ucciso dalla mafia

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy