Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"I rapporti tra criminalità organizzata e logge massoniche continuano ad essere un ambito di studio che, giornalmente, presenta scenari tutti da investigare che ai più sfuggono. Con impegno costante stiamo mettendo insieme le tessere del mosaico relativo alle modalità con le quali la criminalità organizzata si infiltra e interferisce con il sistema di gestione della sanità nelle varie realtà territoriali. Questi temi assumono ancora più importanza per effetto della pandemia in corso che, se da un lato ci vede concentrati nel garantire la salute dei cittadini, contestualmente rappresenta una golosa opportunità per le mafie attente alle risorse economiche in gioco".
A scriverlo in una nota è il presidente della Commissione parlamentare Antimafia Nicola Morra. "Se non elaboriamo per tempo strumenti e strategie che ci permettano di mettere in sicurezza le ingenti risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) - continua - rischiamo di vanificare ogni sforzo e trasformare un'occasione per il Paese in un fallimento. L'audizione di oggi dei magistrati Francesca Urbani e Sara Morri, sostituti procuratori della Procura della Repubblica di Trapani, nell'ambito delle attività del XII Comitato - Rapporti tra criminalità organizzata e logge massoniche della la Commissione parlamentare antimafia, coordinato dalla senatrice Margherita Corrado, ha fornito nuovi elementi che inducono profonda riflessione sui rapporti tra la criminalità organizzata, la massoneria e la pubblica amministrazione".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Vaccinazioni, sospetti sulle liste: Commissione Antimafia chiede elenchi

Vaccini: Morra, rischio vengano usati da mafie per consenso

Cattura Francesco Pelle, Morra: ''Motivo per continuare a credere nello Stato''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy