Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Sappiamo da tempo che le mafie hanno manifestato grande attenzione al business della sanità. I vaccini potrebbero essere utilizzati al fine di conquistare consenso. Le organizzazioni mafiose mirano a conquistare consenso, vogliono dimostrare di essere più efficaci e credibili dello Stato". A dirlo ieri a Buongiorno, su Sky TG24, il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia.
"Speravamo che - ha spiegato - che dopo la denuncia della commissione i numeri della classificazione 'altro' scemassero. Invece stanno aumentando. Abbiamo chiesto i dati di Sicilia Calabria, Campania e Valle d'Aosta. Stamattina è emerso anche il dato della provincia di Bolzano". In comune "mi sembra che abbiano una presenza criminale quantomeno indiscussa, la stessa Valle d'Aosta dal 2019 ha subito un'infiltrazione di ‘Ndrangheta abbastanza rilevante".
"Se tu demandi ai sindaci la responsabilità di determinare le categorie - ha aggiunto poi -, tu concedi all'autorità politica un potere che non dovrebbe essere concesso alla stessa. Noi spesso sciogliamo Comuni per infiltrazioni mafiose, quindi bisognerebbe essere il più possibile obiettivi, rigorosi e scientifici, facendo capire che il vaccino va a chi deve essere tutelato per ragioni medico-sanitarie".

Foto © Imagoeconomica

Ti potrebbe interessare...

La parte per il tutto

In memoria di Peter

Il falso funerale delle ideologie

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy