La pubblicazione dell’ultima relazione della DIA, semestre gennaio giugno 2022, ha fatto crescere in questi giorni, sulle pagine dei giornali, il livello di attenzione sul fenomeno della criminalità organizzata. Si legge dello strapotere della 'Ndrangheta, ormai vera e propria holding per il traffico e spaccio di stupefacenti, della ramificazione dei “locali” radicati ovunque al Centro, al Nord e oltre i confini nazionali, del mantenimento e aumento di potere delle solite famiglie note alla giustizia, delle infiltrazioni nei settori dell’amministrazione pubblica e molto altro ancora.
Scorrendo le pagine della relazione, però, mi pare che un dato molto allarmante provenga da quanto emerge nelle “Conclusioni”. Pare, infatti, che su tutto il territorio nazionale, rispetto al primo semestre del 2021, percentualmente ci sia un netto decremento dei vari reati di tipo mafioso (associazione a delinquere, reati ex art. 416 bis ecc.). Addirittura, al Sud il numero di estorsioni e i reati di usura risultano in flessione! La Dia chiosa questo dato ipotizzando che potrebbe trattarsi della sempre più raffinata capacità della criminalità organizzata di mimetizzarsi, nascondendosi “entro i confini di una imprenditorialità solo apparentemente legale”. Indubbiamente questa è una spiegazione plausibile, perché il livello di infiltrazione nei vari settori della pubblica amministrazione, dell’economia, sappiamo essere alto. Credo che questo dato vada anche letto insieme alla mancata denuncia da parte di chi è a conoscenza e trova più conveniente stare dalla parte del malaffare, ma anche di chi pur subendo minacce, estorsione, racket, usura, non trova il coraggio di farsi avanti perché teme di rimanere solo e indifeso. Per questo, mi pare, che questo dato statistico sia il più preoccupante, il più pericoloso, perché temo faccia emergere anche un’assuefazione ad una vita vissuta senza libertà, senza possibilità di crescita, asservita alle logiche delle consorterie mafiose.
È questo il vero allarme: la criminalità sa nascondere bene i propri misfatti e la società civile, anche solo per paura, non denuncia ciò che vede o sa, glielo permette.

Foto © Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Masciari: ''Di 'Ndrangheta si parla ancora poco. Lei si nutre dei silenzi''

Pino Masciari: ''Sono senza scorta. La mafia si prenda la mia vita: mi renderebbe dignità''

La denuncia di Pino Masciari: ''Su revoca scorta grave silenzio delle istituzioni''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos