Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Un altro giornalista è stato assassinato in Messico: si tratta di Antonio de la Cruz, ucciso il 29 giugno a Ciudad Victoria, nella regione di Tamaulipas, vicino alla frontiera con il Texas. È stato freddato sulla porta di casa, mentre era con sua figlia, che è rimasta ferita. Era un reporter che scriveva sulla rivista “Expreso” ed  era specializzato nell’industria del bestiame  e nelle tematiche ambientali. La regione dove lavorava è caratterizzata da un’alta presenza di gruppi afferenti alla criminalità organizzata, ma si sospetta che una classe politica collusa e corrotta sia altrettanto responsabile della morte del reporter.
De la Cruz è il dodicesimo giornalista ucciso in Messico da inizio anno, una strage che continua al ritmo di due omicidi di giornalisti al mese senza che le autorità facciano nulla per fermarla. Il Messico è forse, ad oggi, il paese più pericoloso in assoluto al mondo per i giornalisti. Dei dodici già uccisi quest’anno, almeno otto sono stati ammazzati esclusivamente per la loro attività professionale.
La redazione di “Expreso” ha chiesto subito verità e giustizia per il collega, che lavorava nel periodico da oltre 15 anni. Il reporter ucciso era molto critico nei confronti degli esponenti del governo e degli amministratori locali. “ La morte di Antonio de la Cruz, padre di famiglia, professionista della comunicazione, è un’azione per la quale i principali sospettati sono gli esponenti del Governo statale “, ha denunciato il deputato di Tamaulipas di Movimento Cittadino, Gustavo Cardenas. Anche l’associazione articulo 19 ha denunciato il fatto che le minacce più ricorrenti nei confronti dei giornalisti messicani provengono, oggi, più dai politici corrotti che dal crimine organizzato. La relazione molto stretta tra la criminalità organizzata e alcuni esponenti delle istituzioni, afferma  la testata El Paìs, determina un clima di impunità totale per i delitti di questo tipo, il 90% dei quali non ha avuto una sentenza. Per qualunque crimine, comunque l’impunità in Messico è altissima, intorno al 95 per cento.
Sulla situazione nel paese Sudamericano sono intervenute molte volte anche le organizzazioni internazionali dei giornalisti, in particolare la IFJ. Durante l’ultimo congresso della Federazione internazionale, a inizio giugno in Oman, l’assemblea ha denunciato con forza e condannato la situazione insostenibile e pericolosissima in cui lavorano i colleghi messicani e ha chiesto giustizia per le vittime di questa strage inaccettabile.

Tratto da: articolo21.org

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

Il Messico come in ''The Purge''. I cartelli della droga e lo ''sfogo'' nella città di Reynosa


La mattanza Messicana dei giornalisti

Narcotraffico messicano: il fallimento del presidente Obrador

Il cartello Jalisco Nueva Generación sfida apertamente la Repubblica Messicana

TAGS: ,

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy