Forti esplosioni a Ternopil, colpita Kharkiv, Khmelnytsky Dnipropetrovsk. Kiev abbatte un gruppo aereo a Bryansk. Fermati gli attacchi ucraini nell’aera di Bakhmut

Un’apocalisse di fuoco si è abbattuta ieri notte nei cieli dell’Ucraina con massicci attacchi missilistici che hanno innescato potenti esplosioni contro obiettivi dove, secondo il ministero della Difesa russo, erano stoccate le armi occidentali sia nell’Est che nell’Ovest del Paese.
A Ternopil sono state distrutte infrastrutture industriali e di trasporto. Un gigantesco incendio si è sviluppato nell'impianto meccanico e di riparazione ferroviaria che svolgerebbe anche un ruolo all'interno delle catene di approvvigionamento delle forze armate ucraine, immagazzinando armi e attrezzature militari. Dopo che i missili hanno colpito l'impianto, di notte è scoppiato un grave incendio.
Altro potente attacco missilistico ha colpito la città di Kharkiv dove, secondo il Governatore Oleg Sinegubov, sono state danneggiate un’infrastruttura di trasporto e un dormitorio nel distretto Novobavarsky della città, dove probabilmente erano ammassate truppe ucraine.
Enormi esplosioni che hanno alzato colonne di fuoco alte centinaia di metri si sono registrate Khmelnytsky e Dnipropetrovsk.
Le sortite sembrano una risposta alla recente imboscata di Kiev contro un intero gruppo aereo speciale nella regione di Bryansk, dove due elicotteri russi Mil Mi-8 e un cacciabombardiere di tipo Su-34 sono precipitati nella giornata di ieri.
Possibile l’utilizzo da parte dell’Ucraina di missili Patriot anche di prima generazione, PAC 1, che avrebbero la gittata necessaria per abbattere questi aerei in territorio russo, oppure altri missili a lungo raggio forniti dall’occidente, come gli AIM 120 C/D AMRAAM o gli Storm Shadow.
Curioso il fatto che uno dei Mil Mi 8 pare fosse nella versione Mi-8MTPR-1, cioè per guerra elettronica, specializzato nel disturbo delle batterie antiaeree. La missione russa avrebbe dunque previsto uno/due elicotteri per guerra elettronica, quindi un Su 34 da attacco, armato con missili aria-terra, e quindi un SU 35 per copertura aerea. Gli ucraini avrebbero intuito la mossa e colpendo in anticipo la missione.
Il fatto che l’attacco sia avvenuto in territorio russo, certamente ne amplifica la gravità così come la possibile portata delle risposte militari di Mosca.


soldati dep 18263659801


Impedito sfondamento di Kiev nella regione di Bakhmut
Secondo quanto riferito dal Ministero della Difesa in un rapporto le truppe ucraine hanno cercato di sfondare le difese nell'area di Artemovsk (Bakhmut), ma le unità russe hanno respinto tutti gli attacchi.
"Nella direzione Soledar-Artemovsk, i distaccamenti d'assalto, con il supporto di unità delle Forze aviotrasportate, hanno continuato a combattere per la cattura dei quartieri occidentali della città di Artemovsk. A nord e a sud di Artemovsk, nell'ultimo giorno, Il nemico ha compiuto massicci tentativi di sfondare le difese delle nostre truppe. Tutti gli attacchi delle unità delle forze armate ucraine vengono respinti. Le scoperte della difesa delle truppe russe non sono consentite", ha affermato il dipartimento militare, precisando che unità della 4a brigata di fucilieri motorizzati hanno respinto gli attacchi a sud del villaggio di Krasnoe.
In queste schermaglie sono rimasti uccisi il comandante della brigata Vyacheslav Makarov, e il vice comandante del corpo dell'esercito per il lavoro politico-militare, Yevgeny Brovko.
“Il colonnello Vyacheslav Makarov, essendo in prima linea, guidò personalmente la battaglia. Due attacchi nemici furono respinti. I militari della brigata distrussero tre carri armati, quattro veicoli da combattimento di fanteria e due veicoli corazzati delle forze armate di Ucraina. Durante il riflesso del terzo attacco, il comandante della brigata è stato gravemente ferito ed è morto durante l'evacuazione dal campo di battaglia", ha affermato il Ministero della Difesa.
In un solo giorno, le forze armate ucraine avrebbero perso oltre 400 militari, 12 carri armati, 18 veicoli da combattimento di fanteria, due veicoli corazzati da combattimento e un obice D-20.

ARTICOLI CORRELATI

L’esercito di Kiev avanza a Bakhmut, ma viene fermato in direzione di Soledar

Londra consegna a Kiev missili a lungo raggio Storm Shadow, Mosca: risponderemo

Guerra Ucraina, Mosca: lanciati attacchi contro punti schieramento delle forze ucraine

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos