Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Gli avvocati Mauro Anetrini e Basilio Foti, legali di Rocco Schirripa condannato in via definitiva all'ergastolo per l'omicidio del Procuratore capo di Torino Bruno Caccia, hanno presentato nei giorni scorsi un ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo per "palese violazione del principio dell'equo processo" ed altre "manchevolezze" che, sostengono, "hanno reso l'istruttoria che ha portato alla condanna del panettiere di Torrazza Piemonte, un processo 'monco'".
Secondo gli avvocati il processo non ha chiarito il ruolo di Schirripa nell'omicidio.
Attualmente il loro assistito si trova detenuto presso il carcere di Opera dove sta scontando la pena.
Oggi, su La Stampa, i due legali hanno spiegato le rimostranze inserite nel ricorso, a cominciare con la mancata escussione di alcuni testimoni. "Riteniamo, in definitiva - hanno aggiunto - di non aver potuto esercitare a pieno il diritto di difesa che siamo sicuri ci avrebbe consentito di ottenere una dichiarazione liberatoria per Schirripa".
E poi ancora denunciano "l'invasività dell'attività di intercettazioni a danno di Schirripa fatte con l'inoculazione di un trojan nel suo telefonino quando non vi erano ancora indizi sufficienti a giustificarne l'utilizzo". Ed infine il dato per cui "la posizione del nostro assistito era già stata definita nel 1997 con un proscioglimento al termine delle indagini preliminari".
Un elemento, quest'ultimo, che paventa una violazione del principio del "ne bis in idem".
Adesso la Cedu sarà chiamata a prendere una decisione se rigettare l'istanza o dar ragione ai ricorrenti, aprendo a percorsi tutt'altro che certi, come una possibile revisione del processo.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Omicidio Caccia, la Cassazione conferma l'ergastolo per Schirripa

Delitto Caccia, confermato in appello l'ergastolo per Schirripa

Omicidio Caccia, fissato incidente probatorio per l'inchiesta su D'Onofrio

Delitto Caccia, la Procura generale di Milano avoca l'inchiesta su D'Onofrio

Paola Caccia: ''Siamo delusi. Manca la volontà di capire il vero movente dell'omicidio di mio padre''

Delitto Caccia, in appello chiesta la conferma dell'ergastolo per Schirripa

Omicidio Caccia, i familiari: ''Non si archivi indagine su mafia e Servizi''

Video

  • All
  • 'Ndrangheta
  • Agende Rosse
  • Agustín Saiz
  • Nicola Gratteri
  • Paolo Borsellino
  • Salvatore Borsellino
  • Video

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy