Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

caccia paola 850di Aaron Pettinari - Intervista
La figlia del Procuratore di Torino commenta la condanna a Rocco Schirripa

"Troppa fretta di chiudere è quella che ho visto in questi giorni". Paola Caccia, la figlia del Procuratore capo di Torino, ucciso con 17 colpi di pistola la sera del 26 giugno 1983, ha addosso tanta delusione, nonostante la condanna di uno dei responsabili dell'omicidio del padre. L'abbiamo raggiunta telefonicamente, di rientro a casa dopo aver sentito la sentenza della Corte d'Assise d'Appello di Milano.

Paola Caccia, come si sente dopo questa sentenza che giunge quasi trentasei anni dopo la scomparsa di suo padre?
"Provo delusione perché la sentenza conferma delle responsabilità ma mi è sembrato che la Corte abbia avuto una certa fretta di concludere. Questo processo d'appello si è aperto e chiuso in appena tre udienze e non mi sembra che sia stato dato abbastanza spazio a quello che stava intorno a questo imputato. Eppure nelle motivazioni della sentenza di primo grado erano state ritenute "condivisibili" le osservazioni del nostro avvocato in quanto sia l’audizione di Domenico Belfiore, sia i suoi colloqui con Barresi avevano rivelato, ancora una volta, un ambito di ‘indicibile’".

A cosa si riferisce?
"Mi riferisco al fatto che ancora oggi non è stata fatta luce completa su cosa è accaduto. Non conosciamo il movente dell'omicidio di mio padre e devono ancora essere individuati altre responsabilità. Ma a quanto pare questo non interessa a nessuno, ad esclusione nostra e del nostro avvocato, Fabio Repici, che fino all'ultimo ha cercato di far riaprire il dibattimento. È deprimente quando ci si sente dire che 'non è la sede opportuna' o 'certe cose non riguardano questo imputato'. Questo è quello che è accaduto e rappresenta la cifra di questo dibattimento".

Ancora restano aperti due fascicoli di indagine. Lei crede che si possa giungere ad una verità completa?
Non si può smettere di sperare anche se dopo tanti anni tutto sembra più difficile. Per quanto riguarda il fascicolo aperto su D'Onofrio stiamo aspettando che decidano cosa fare dopo l'avocazione della Procura Generale. Poi c'è il fascicolo che a noi interessa principalmente che è quello aperto a carico di Latella e Cattafi. Loro, salvo che dal nostro legale, non sono mai stati nominati in questi ultimi processi, eppure lo stesso Schirripa è stato indagato proprio a partire da quel fascicolo. Speriamo anche in questo caso che non sia vana la nostra richiesta di non archiviare. Questa sentenza può essere un passo avanti ma l'accertamento completo della verità è un'altra cosa e lascia sgomento il dover constatare che spesso siamo noi familiari a dover lottare affinché sia fatta definitivamente giustizia".

ARTICOLI CORRELATI

Delitto Caccia, confermato in appello l'ergastolo per Schirripa

Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy