"Non sono d'accordo con i toni di questo coretto perbenista, e a tratti stucchevole, che se la prende con i pregiudicati per mafia, rei, dopo aver scontato interamente e dignitosamente la loro pena, d'aver ancora voglia di parlar di politica. Totò Cuffaro e Marcello Dell'Utri non sono stati condannati all'esilio, alla gogna civile o all'obbligo perpetuo del silenzio ma alla galera. L'hanno scontata e, pena accessoria, non potranno più né votare né essere eletti. Ma conservano il pieno diritto (come osserva il professor Fiandaca) di dire quello che pensano". Così in una nota sui social network Claudio Fava, il candidato alle primarie del centrosinistra e presidente della commissione parlamentare Antimafia all'Ars. "Meno comodo - prosegue - è prendersela con chi è andato a cercarli, a richiederne benedizioni e raccomandazioni elettorali: ed infatti sui questuanti eccellenti tacciono tutti, compresi i columnist della nobile stampa antimafiosa. Una decina di giorni fa c'è stato un incontro all'hotel delle Palme. Il presidente della Regione Siciliana Musumeci è andato in udienza da Dell'Utri, che lo ha benevolmente accolto; Musumeci ha chiesto un'intercessione con Berlusconi per la propria ricandidatura e il suddetto Dell'Utri gliel'ha concessa passandogli al telefono il Cavaliere. A causa di questo siparietto palermitano - ha sottolineato - la pubblica riprovazione s'è rovesciata solo su Dell'Utri mentre il Musumeci, furbo e muto, ha provato a farla franca. Io la penso esattamente all'opposto, e pazienza per gli irriducibili del moralismo antimafioso che la prenderanno male: ovvero, per me Dell'Utri può parlare con chi vuole, è un suo diritto. Il Presidente della Regione Siciliana, lui no, non può parlare con chi vuole: soprattutto se il suo interlocutore è un condannato in via definitiva per mafia. Avergli chiesto un'intercessione, un favore, un'apertura di credito politico su Roma ne fa, subito, un presidente dimezzato, un candidato compromesso, un uomo di parte. E della parte sbagliata. Sono d'accordo anche con il giudice Morvillo. Musumeci si tenga lontano, il 23 maggio e il 19 luglio, da chi ricorda i nostri morti. Se frequenti i condannati per mafia non hai titolo per frequentare il ricordo delle vittime di mafia. Provare a fare l'una e l'altra cosa è solo una bestemmia. Delle peggiori", ha concluso Fava.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Dell'Utri torna in Sicilia. Berlusconi schiera l'amico per salvare FI dall'implosione

La Cassazione conferma: ''Fininvest ha finanziato Cosa Nostra''

Renzi, Dell'Utri, Cuffaro: nuovi inciuci al sapor di Cosa Nostra

Forza Italia, il partito fondato da un uomo della mafia

No Mafia! No Berlusconi Presidente!

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy