Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Vittima di usura: "Senza lavoro non sappiamo come andare avanti"

Dopo aver denunciato il racket mafioso, dopo aver perso tutto e dopo aver attraversato mille difficoltà, Bennardo Raimondi, ceramista vittima di usura, torna a lanciare un appello alle istituzioni affinché non dimentichino tutti coloro che, come lui, hanno cercato di dare un contributo per la legalità.
In tempi di coronavirus, infatti, tutto viene reso più difficile ed anche quelle poche fiere ed eventi a cui si aggrappava per andare avanti con la sua famiglia non sono state rese più possibili. "La mia storia - scrive - è quella di un artigiano ceramista presepista di Palermo con un'esperienza di 44 anni. Per vari motivi, non di certo per colpa del virus, ho letteralmente perso tutto ed ogni giorno lotto per dare alla famiglia una dignità". In questo momento di emergenza sanitaria, come sta accadendo a tante altre persone che vivono pesanti disagi sociali, anche Raimondi si trova a dover chiedere aiuto agli amici più stretti, in quanto dalle istituzioni preposte le risposte sono pressoché assenti: "Io non ho da tempo partita iva o affini. Mi arrangiavo con le sagre o con le fiere che da mesi ormai non si fanno più. Solo grazie agli amici stiamo riuscendo ad andare avanti. Adesso come pago le bollette? Come posso fare spesa? E' mai possibile che lo Stato non tuteli chi vive queste situazioni difficili, in particolare laddove c'è stato un impegno a denunciare il malaffare, il racket, le estorsioni e le vessazioni subite? Fino a quando potremo resistere. Ci sono tanti imprenditori che sono fermi e rischiano di arrivare a gesti estremi perché ormai prossimi al fallimento. Ho anche provato a chiedere aiuto ad altri enti e associazioni, ma anche lì mi dicono che vivono delle difficoltà".

ARTICOLI CORRELATI

Bennardo Raimondi, l'artigiano che vuole trasmettere la propria arte

Bennardo Raimondi: ''Dopo l'usura, aiutatemi a ripartire''

Bennardo Raimondi: ''Io artigiano dimenticato da tutti''

Bennardo Mario Raimondi: il riscatto di una vita attraverso l'arte

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos