Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'impero americano e i suoi vassalli sono stati gli artefici di una nuova Pearl Harbor

20 anni sono passati da quell’11 settembre in cui l’intera umanità si è fermata davanti alle terrificanti immagini del più grande attentato terroristico che la storia moderna abbia mai visto. Ma mentre gli occhi attoniti delle persone di tutto il mondo erano incollati agli schermi delle televisioni che trasmettevano in diretta la tragedia, molti evidenti particolari sono sfuggiti ai più. Giulietto Chiesa, insieme ad altri studiosi del caso, non è stato uno di questi e negli anni ha fornito prove, documenti, carte e relazioni che dimostrano nero su bianco che ciò che è stato raccontato non rappresenta la realtà dei fatti.  Gli ideatori del "Progetto per il Nuovo Secolo Americano" (PNAC, Project for the New American Century, gruppo di neo-con guidato da Paul Wolfowitz) del resto lo avevano anche scritto nel loro testo 'guida' pubblicato nel settembre 2000. Un rapporto di novanta pagine intitolato "Ricostruire le difese dell'America: strategie, forze e risorse per un nuovo secolo" in cui si legge chiaramente che "l'America dovrebbe cercare di preservare ed estendere la sua posizione di leadership globale mantenendo la superiorità delle forze armate USA" e che il governo degli Stati Uniti dovrebbe avvantaggiarsi della sua superiorità militare ed economica per guadagnare una incontestabile superiorità attraverso tutti i mezzi possibili, comprese le forze militari. Inoltre nel rapporto vi è un passaggio assai curioso: "Il processo di trasformazione, anche se porterà un cambiamento rivoluzionario, risulterà molto lungo, se non si dovesse verificare un evento catastrofico e catalizzante, come una nuova Pearl Harbor".  Ad oggi gli ideatori del grande inganno stanno ancora mentendo e Giulietto Chiesa aveva tentato di avvertirci già da tempo.





L'impero americano dietro al crollo delle torri gemelle
"È una disputa che non si può riproporre qui. Chi scrive ha sostenuto da sempre che i diciannove presunti ‘dirottatori’, guidati da Osama bin Laden, non avrebbero potuto, in ogni caso, realizzare un tale piano. Ci sono prove in abbondanza che nell'operazione intervennero forze potenti che avevano legami con diversi servizi segreti, a cominciare da settori della CIA e dell'FBI, per arrivare fino all'ISI pakistano, ai servizi segreti sauditi e a quelli, sicuramente coinvolti, del Mossad israeliano". Sono state queste le parole di Giulietto Chiesa quando nel 2016 aveva tentato di spiegare ad un occidente sordo - volutamente sordo - che dietro alla nuova "Pearl Harbor" si celavano sinistri piani per una destabilizzazione geopolitica atta a sostenere solo ed esclusivamente gli interessi dell'impero statunitense.
Dopo l'11 settembre era poi iniziata una serie di guerre sanguinose (Afghanistan, Iraq, Libia, Siria) e di mutamenti del sistema delle regole internazionali. "Tutti motivati con una nuova ed unica necessità: combattere il ‘nuovo nemico’ dell'Occidente, l'Islam fondamentalista.
"Il lavoro della '9/11 Commission' (cioè la "versione ufficiale") non regge di fronte a una sterminata quantità di contestazioni", aveva scritto Chiesa, "mosse da ricercatori e giornalisti indipendenti di tutto il mondo. Chi volesse sincerarsene può consultare il sito Consensus911.org, dove molte di queste contestazioni e incongruenze sono state esaminate in questi anni da un gruppo di specialisti di cui anch'io faccio parte. Quella Commissione - come adesso sappiamo ufficialmente dopo le rivelazioni dell'ex senatore democratico Bill Graham (che fu presidente della Commissione del Congresso che per prima indagò sull'11/9) e di numerosi senatori e deputati americani - rifiutò di esaminare documenti e prove di quelle oscure manovre che precedettero l'attentato. Le 28 pagine del primo rapporto, recentemente desecretate, rivelano e documentano inequivocabilmente, che il governo saudita aiutò e finanziò i ‘capri espiatori’ a installarsi negli Stati Uniti. E questo fatto, da solo (senza tenere conto che FBI e CIA erano - e tutto ciò è stato provato- al corrente della preparazione dell'attentato), dimostra che la 9/11 Commission fornì una versione falsa dell'intera vicenda, per coprire i veri responsabili.





A questa falsificazione - già provata - se ne possono aggiungere decine. Quanto basta per concludere che ci furono interessi potenti, all'interno dell'élite americana e dei circoli dirigenti occidentali, per coprire i veri protagonisti dell'attentato".
Inoltre in merito all'attentato dell'11 settembre si era espresso anche l'allora presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, Ferdinando Imposimato, il quale in diverse interviste aveva dichiarato che esistono indizi più che sufficienti per incriminare, di concorso in strage, di fronte a una corte internazionale, l'Amministrazione americana di George W. Bush e Dick Cheney. Sfortunatamente una tale corte esiste, ma non è abilitata a processare l'Amministrazione americana.

La complicità del mainstream mediatico occidentale
Ogni impero ha le sue colonie e da regolamento - non scritto - devono fare da megafono alla voce del padrone. Tutto il mainstream mediatico ha coperto da 20 anni ormai una versione dei fatti "totalmente falsa, fino al ridicolo, impedendo l'emergere della verità", aveva scritto Chiesa sottolineato come gli ideatori e organizzatori dell'attentato, assieme ai loro vassalli, avevano avuto il controllo quasi totale della comunicazione mondiale arrivando a confinare migliaia di persone nell'ignoranza. Il problema è, dunque, al tempo stesso politico e comunicativo e in un’intervista rilasciata a Radio Saiuz - che in seguito riproponiamo assieme ai suoi interventi su Pandora Tv - Chiesa lo aveva spiegato molto bene. Aveva detto chiaramente che "la versione ufficiale degli eventi è falsa” e a muovere i fili dell’attentato ci sarebbero stati “i servizi segreti occidentali insieme all’intelligence pakistana e saudita”. Da quel giorno, ha aggiunto poi Giulietto Chiesa, “milioni di persone sono state frastornate fino al punto da ritenere scandaloso che qualcuno metta in discussione la storia che ci hanno raccontato”. Tutto ciò grazie ad una subdola campagna di mistificazione benedetta dallo Zio Sam.
(Prima pubblicazione: 11-09-2021)





Rielaborazione grafica by Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Giulietto Chiesa: ''La versione dei fatti sull'11 settembre è falsa''

L'11 Settembre (2001) smascherato

Riaprire l’11 settembre

11 settembre, due domande dopo 15 anni

11 settembre, anniversario Torri Gemelle

11 settembre, vuoi vedere che si riapre l'inchiesta? (scherzo, naturalmente)

11 settembre, appunti leggendo Gregory Bateson

11 settembre, diciannove fantasmi - Terza parte

11 settembre, otto misteriose scatole nere

11 settembre 2001: il Nist ha mentito

11 settembre, la BBC alla sbarra

11 settembre 2001. E noi insistiamo

11 settembre, nuovi indizi smentiscono la versione ufficiale

Per una nuova indagine sull'11 settembre 2001

11 settembre e Osama: dal verosimile all'inverosimile

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy