Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Saverio Lodato
Visto che nessuno lo scrive, lo scriviamo noi. Da un paio di settimane, Massimo Giletti vive sotto scorta dei carabinieri, a causa delle sue recenti puntate di Non è L’Arena su La 7, che facendo esplodere il bubbone delle centinaia di detenuti rispediti a casa loro, ha disturbato un bel numero di manovratori, i quali tutto volevano tranne che essere infastiditi.
Giletti è stato minacciato, indicato come bersaglio, additato al pubblico ludibrio del grande popolo mafioso e 'ndranghetista da quel gentiluomo di Filippo Graviano, intercettato in carcere mentre, riferendosi proprio a Giletti e al giudice Nino Di Matteo, osservava senza fronzoli: “Il ministro fa il suo lavoro e questi... Giletti e Di Matteo rompono la minchia”.
Il che, dal punto di vista del mondo del crimine italiano, è indiscutibile, persino comprensibile. Ma è un bel titolo di merito, aggiungiamolo, per entrambi i destinatari dello sfogo rabbioso del boss stragista.
Ma come?
Era uscito su tutte le ruote il terno a lotto del coronavirus, si era trovato l’escamotage garantista del diritto alla salute, principio di civiltà che non può essere interdetto a nessuno, neanche ai manigoldi della peggior specie; si erano mescolate anzianità e patologie pregresse; studiato un percorso burocratico fatto su misura affinché non risultasse la volontà di un unico manovratore accomodante, bensì una decisione finale - quella del liberi tutti - che fosse talmente diluita da risultare, se mai lo scandalo fosse esploso, evanescente, impalpabile, persino ineluttabile.
Le cose, però, andarono diversamente.
Massimo Giletti - e molti continueranno a chiedersi all’infinito: chi glielo fece fare? - scatenò il putiferio.
Tanto scavò e tanto disse, tanto indagò, giornalisticamente parlando, e tanti sassi smosse, che il verminaio - finalmente - esplose in prima serata. Il putiferio, appunto.
il patto sporco alt 300 internaInsomma, lo ricorderete: saltò fuori che, all’indomani della misteriosissima rivolta carceraria che provocò una dozzina di morti, esplodendo contemporaneamente nei penitenziari da un capo all’altro dell’Italia, le porte dei penitenziari - come per incanto - si erano spalancate per centinaia di mafiosi e criminali d’alto rango che così erano tornati a casa con tutte le carte a posto.
Saltò fuori, e questo invece per merito di una telefonata del giudice Nino Di Matteo in trasmissione, il precedente, a tutt’oggi chiarito per niente, del suo mancato incarico alla direzione delle carceri da parte del ministro della giustizia, Alfonso Bonafede. Incarico proposto - e questo non fa mai male ricordarlo - proprio dal Bonafede al Di Matteo, da questo accettato, ma proprio dal Bonafede rimangiato, nell’arco delle ventiquattro ore.
La miscela esplosiva - carceri svuotate e ministro sotto schiaffo - deflagrò ma - come usa dire - ubi maior minus cessat, e il problema diventò allora come salvare la poltrona al Bonafede, a dispetto dei santi, della verità e delle evidenze. Bel teatrino parlamentare, come da copione, e tutto alla fine si aggiustò.
Cosa resta oggi?
I mafiosi, innanzitutto.
Che in barba al pannicello caldo dei decreti retroattivi, nella stragrande maggioranza dei casi, sono rimasti a casa loro.
Il ministro Alfonso Bonafede.
Che ringalluzzito dal conforto degli onorevoli garantisti è rimasto inchiodato alla poltrona sua.
Infine, i giornali.
Che infastiditi dal Giletti che osava parlare di mafia, dimostrando di non sapere che ciò è consentito solo a chi si fregia del blasone dell’antimafia, ignorarono - letteralmente ignorarono - le puntate di Non è L’Arena. Una mezza dozzina di puntate.
Ma non fosse stato per Giletti, non avremmo neanche saputo che il mafioso era tornato a vivere sui nostri pianerottoli.
Ora Giletti vive scortato.
Ma almeno si abbia il coraggio di scrivere questo.

???? Foto © Imagoeconomica

???? Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

???? La rubrica di Saverio Lodato

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy