Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Con le arringhe della difesa, cui sono state espinte le istanze, è ripreso alle 15 al Tribunale di Trieste il processo di appello per l'omicidio di Nadia Orlando. La giuria potrebbe già nel pomeriggio ritirarsi per deliberare sulla sentenza. In mattinata, una serie di istanze preliminari da parte della difesa di Francesco Mazzega, l'imputato reo-confesso del delitto che sconvolse la comunità Vidulis di Dignano. Mazzega, oggi 38enne, soffocò Nadia con un cuscino la sera del 31 agosto 2017 dopo che lei lo aveva lasciato. Prima di costituirsi, Mazzega girò per tutta la notte per undici ore con il cadavere di Nadia sul posto del passeggero, dov'era stata stata uccisa. Il 38enne si è presentato scuro in volto in aula, accompagnato da agenti della polizia penitenziaria. Nessuno sguardo ai genitori di Nadia. In primo grado l'uomo originario di Muzzana è stato condannato a 30 anni, al posto dell'ergastolo per aver chiesto il rito abbreviato. La difesa ha chiesto alla giuria di ascoltare la registrazione dell'interrogatorio che si è svolta il giorno successivo all'omicidio e non di basarsi solo sul verbale riassuntivo per capire che le sue parole non potevano essere quelle di una persona lucida. I legali hanno presentato una perizia che riassume lo stato d'animo di Mazzega in quelle ore, potendo contare inoltre su un elettrocardiogramma svolto dal personale del 118, chiamato dopo che l'imputato aveva accusato un malore. Difesa che a differenza del primo grado chiede una perizia psichiatrica. In aggiunta, i legali hanno invitato i giudici popolari ad astenersi in caso di firma dell'appello per la carcerazione di Mazzega. L'uomo rimarrà salvo sorprese ai domiciliari fino a sentenza definitiva, con grande indignazione del Comitato giustizia per Nadia, che anche quest'oggi ha fatto sentire la vicinanza alla famiglia mostrando i fiocchi rossi sulle giacche.

rainews.it

ARTICOLI CORRELATI

Alla viglia del nuovo processo per l'omicidio di Nadia Orlando parla al Tg2 la madre, Antonella Zuccolo

#Femminicidio, resta in Friuli il processo per l'omicidio di Nadia Orlando

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy