Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

ciancio borsellino falcone rotdi Riccardo Orioles
Benissimo. La dottoressa Gaetana Bernabò Di Stefano, che ne sa più di Falcone e Borsellino, ha deciso che il concorso esterno in associazione mafiosa non è più reato.
I tempi di Falcone, sostiene la giureconsulta catanese, sono cambiati: «Non può non considerarsi come siano passati oltre trent'anni senza che il legislatore abbia inteso disciplinare questa delicatissima materia». E quindi, addio concorso esterno. La dottoressa tuttavia non abolisce il reato di associazione mafiosa, che a suo tempo (come i lettori più attenti ricordano) venne ferocemente attaccato dal “giudice ammazzasentenze”, Corrado Carnevale. La mafia esiste davvero (o almeno non se ne nega l’esistenza), nella sentenza Di Stefano, e di tale concessione senz’altro Falcone, dovunque si trovi, ringrazia.

La giurisprudenza catanese non è nuova a sentenze, diciamo così, innovative. Anni fa un magistrato, per assolvere il costruttore Costanzo (non quello di ora: l’altro) da una serie indiscutibile di intrallazzi coi mafiosi, trovò che costui aveva agito “in stato di necessità”: e dunque, assolto. Catania, maestra di giure, ci tiene a conservare le tradizioni: e come Irnerio e Bartolo non disdegnarono, nello Studio medievale di Bologna, di rinnovare la tradizione imperiale dei Giustiniani e dei Gai, così la dottrina dei maestri Grassi, Russo e Di Natale rivive gloriosamente, apud Aetnam, nelle sentenze odierne. I mestieranti (vagamente sovversivi) come Carlo Alberto dalla Chiesa o Carlo Palermo (ieri) o Giovanni Salvi (oggi) sono serviti: imparino il loro mestiere, e lascino nel loro brodo le chiacchiere dei vecchi Falcone e Borsellino. “Rumoresque senum severiorum/ omnes unius aestimemus assis”.

* * *
Così, ecco come è stato assolto il padrone di Catania Mario Ciancio. La Procura, pensiamo, avrà qualcosa da dire. Anche noi avremo qualcosa da fare e da dire: noi, quelli al cui nome la giustizia si esercita. Noi cittadini, noi popolo.

Visita: isiciliani.it

ARTICOLI CORRELATI

Ciancio e il concorso esterno, per il Gip ''reato non definibile''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy