Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il caso dell'avvocata dei boss Angela Porcello, arrestata nell’ambito dell’operazione “Xydi” e oggi cancellata dall'Albo

Parlavano di retrodatare la consegna di atti giudiziari, falsificando le ricevute delle raccomandate per aggirare l’ostacolo delle scadenze giudiziarie, le avvocatesse Annalisa Lentini e Angela Porcello che da qualche giorno si trova in carcere perché accusata di associazione mafiosa. E’ questo lo spaccato che emerge dalle carte dell’inchiesta "Xydi" che ha interessato le province di Agrigento, Palermo e Trapani e che ha stretto il cerchio sulla rete di protezione attorno al superlatitante Matteo Messina Denaro. In passato c’erano riuscite con la complicità di “Lillo”, titolare di agenzia di posta privata, che ad un certo punto però si era tirato indietro, e allora avevano coinvolto “Enzo”, altro titolare di agenzia di posta privata, sicure della sua disponibilità. Secondo la Dda di Palermo “Lillo” ed “Enzo” sono pedine di un sistema “illecito e diffuso” attraverso cui i legali si sarebbero presi gioco di funzionari, cancellieri, giudici e pubblici ministeri. Per farlo, però, si sarebbero serviti dell’aiuto di alcuni dipendenti del ministero della Giustizia.
Le indagini sono partite da un caso che ha obbligato il procuratore aggiunto Paolo Guido e i sostituti Claudio Camilleri, Gianluca De Leo e Calogero Ferrara ad iniziare una complicata e lunga attività di controllo di numerosi fascicoli che riguardano indagati e imputati per mafia e non solo. Fascicoli ora nelle mani del Ros. Il caso di partenza riguarda la posizione di Vincenzo Cangemi, condannato a 4 anni e 8 mesi per violenza sessuale. Porcello si accorse di avere dimenticato di impugnare la sentenza entro il termine. L’errore avrebbe mandato in carcere l’uomo e allora falsificò la datazione dell’atto con l’aiuto, secondo, l’accusa dei colleghi Annalisa Lentini e Vincenzo Lo Giudice, nipote del mafioso ed ex deputato Vincenzo Lo Giudice. Alla fine il pubblico ministero stoppò l’ordine di carcerazione, cadendo in buona fede nella trappola.
Dalle intercettazioni si parla di un funzionario giudiziario compiacente al tribunale di Agrigento, un tale “Totò”, che una volta aveva “infilato nel registro” un ricorso tardivo. E di un altra manina interna al Tribunale della cui assenza si rammaricavano: “Non era lui, sennò me la sistemava”.

Ed ancora di un cancelliere che non era disposto ad aggiustare le carte. Al massimo poteva ritardare l’apposizione del bollo di irrevocabilità sulla una sentenza. “Ti prego come se fossi tua sorella… non la fare, te ne supplico”, gli diceva Porcello. Il cancelliere sembrava volerla accontentare: “Allora io l’irrevocabilità non l’ho fatta ancora… te la vedi in corte d’Appello… cioè, per me, dico, non è un problema, ma la sentenza già è irrevocabile…”. Salvo ultimare la pratica in fretta, non appena l’avvocata andò via dal suo ufficio. Il tutto, però, senza mai segnalare il caso.
Ce n’è abbastanza per fare scrivere agli inquirenti che “le davvero non equivocabili risultanze investigative restituiscono un solido quadro probatorio circa l’avvenuta commissione di una sequenza di reati contro la fede pubblica e contro l’autorità delle decisioni giudiziarie”. A rendere “ancora più sconcertante la vicenda vi è che il programma delittuoso veniva ideato e realizzato da un avvocato, Porcello Angela, che trovava a tal fine immediato e concreto appoggio in due suoi colleghi: gli avvocati Lentini Annalisa e Lo Giudice Calogero. Tutti e tre i legali mostravano rara spregiudicatezza ed un totale disprezzo per il rispetto delle basilari regole procedurali che anzi, con condotte fraudolente, aggiravano senza timore, violando la legge ed al contempo mortificando le più elementari regole deontologiche”. Nel frattempo giunge la notizia che il consiglio dell'Ordine degli avvocati di Agrigento, presieduto da Vincenza Gaziano, ha deliberato la cancellazione di Angela Porcello. Si tratta di un atto amministrativo dovuto in seguito al venire meno dei requisiti, come conseguenza della misura cautelare. La cancellazione, si apprende, è stata disposta prima che all'organismo rappresentativo della professione forense siano stati trasmessi gli atti da parte dell'autorita' giudiziaria. Il procedimento disciplinare nel merito spetterà, in seguito, al consiglio distrettuale.

Fonte: livesicilia.it

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Da Messina Denaro a Falsone quando il ''vecchio'' è il nuovo

La Stidda rinata, i buchi del 41 bis e Messina Denaro che decide

Restano in carcere avvocato compagna del boss e mandante omicidio Livatino

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy