Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il collaboratore di giustizia Francesco Labate, detto "Checco", si è consegnato oggi nel carcere di San Pietro a Reggio Calabria. Non si avevano sue tracce da circa cinque giorni, da quando in pratica aveva lasciato la località protetta dove si trovava senza avvertire il Servizio centrale di protezione.
Il pentito, arrestato nell'ambito dell'operazione "Metameria", è ritenuto il braccio destro del boss Filippo Barreca. Negli ambienti investigativi, la notizia del suo allontanamento era stata confermata mentre sono in corso indagini in merito al presunto video che Labate avrebbe inviato alla moglie prima di sparire, facendole sapere che avrebbe ritrattato le sue dichiarazioni sul suocero ergastolano e sulla cosca operante nella zona di Pellaro.
Attualmente sono in corso anche indagini per verificare se la scelta di allontanarsi dalla località protetta sia stata volontaria o se dietro possano esserci altre questioni.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy