Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Procura di Reggio Calabria, dando seguito all'avviso di conclusione indagini delle scorse settimane, ha formulato la richiesta di rinvio a giudizio per 17 indagati dell'inchiesta "Rupes" condotta dalla Guardia di finanza.
Secondo la Dda, si tratta di imprenditori collusi, esponenti delle principali cosche cittadine e funzionari pubblici corrotti tra i quali Vito Locicero considerato dai pm l'imprenditore "a disposizione" dei clan ed accusato di concorso esterno con la 'Ndrangheta. Il procuratore Giovanni Bombardieri e il sostituto della Dda Sara Amerio hanno chiesto il processo anche per Carmelo Giuseppe Cartisano, Girolamo Ottavio Cartisano, Walter Davide Cartisano, Andrea Cutrupi, Francesca Cutrupi, Antonio D'Agostino, Domenico Alessandro Macrì, Giovanni Mangiola, Domenico Marcianò, Domenico Musolino, Giovanni Pontari, Antonio Russo, Maria Scaramuzzino, Fortunato Stellittano, Giovanni Tripodi e Andrea Carmelo Vazzana. Per due indagati, inoltre, è stata avanzata la richiesta di archiviazione per intervenuta prescrizione. Adesso il gip dovrà fissare la prima udienza preliminare.
L'inchiesta, condotta dal Gico del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza, ha dimostrato il predominio della cosca Condello a Gallico. Nella periferia nord di Reggio Calabria, l'imprenditore Locicero ha realizzato i lavori di sistemazione del lungomare e, secondo la Procura, lo ha fatto grazie a uno "scambio di reciproci vantaggi" con Carmelo Giuseppe Cartisano detto "Naos" e già imputato nel maxi-processo "Gotha". In sostanza, Cartisano avrebbe assicurato a Locicero la risoluzione dei problemi di natura intimidatoria ed estorsiva anche rispetto alle altre famiglie di 'Ndrangheta. In cambio si sarebbe accaparrato la "gestione di una parte dei lavori appaltati all'imprenditore".
Con l'accusa di corruzione sono indagati il capo struttura del dipartimento Agricoltura, foreste e forestazione della Regione Calabria Giovanni Pontari e il funzionario dell'ufficio Urbanistica del Comune di Reggio Domenico Alessandro Macrì. Tra i reati contestati, a vario titolo, agli imputati ci sono pure l'associazione a delinquere finalizzata al compimento di reati contro la pubblica amministrazione, l'intestazione fittizia, la turbativa d'asta e l'illecita concorrenza per minaccia.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy