Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Sonia Bongiovanni
Quarant'anni fa Peppino Impastato ha perso la vita. Una vita spezzata da un momento all'altro, ingiustamente. D'altronde da quarant'anni a questa parte, ci è mai successo di vedere con i nostri stessi occhi girandoci attorno, anche solo un briciolo di giustizia?
Una società assente. Una società priva di valori, senza un fine e una morale. Una società persa: nei pensieri, nel profondo e nell'azione. Una società nella quale non si riconosceva Peppino. Peppino lottava, Peppino gridava, Peppino amava. Si ribellava e risvegliava le coscienze, moltiplicava le masse, rinnegava l'indifferenza, l'incoerenza e la partecipazione verso quel sistema di potere criminale che da sempre uccide e violenta i combattenti e gli innocenti.
Peppino ha dato vita al nostro senso di giustizia. Grazie a lui, oggi abbiamo una ragione per cui lottare a favore di chi merita quella stessa giustizia in nome della quale innumerevoli uomini e donne si sono battuti. Noi giovani non abbandoneremo mai le redini della sua lotta che sentiamo radicata nella nostra pelle.
A voi, che ci avete insegnato a combattere per una vita vera.
A voi, che ci date il motivo per trasformare i nostri più grandi sogni in realtà.
A te, Peppino. Oggi più che mai possiamo dirti: hai vinto.

Foto © ACFB

Tratto da:
ourvoice.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy