Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Si aggravano condizioni boss Zagaria, ricoverato in Lombardia

Mafie News

Si aggravano condizioni boss Zagaria, ricoverato in Lombardia

di AMDuemila
Sassari, difesa solleva questione incostituzionalità decreto legge del Governo

Non tornerà in carcere il camorrista Pasquale Zagaria. Le sue condizioni di salute si sono aggravate in seguito a esami diagnostici ed è stato ricoverato in Lombardia. Fratello di Michele, boss dei casalesi, Zagaria era detenuto in regime di 41 bis nel carcere sassarese di Bancali. Il 23 aprile gli era stata concessa la detenzione domiciliare perché nelle strutture sanitarie di Sassari non era possibile far proseguire le cure per un tumore alla vescica diagnosticatogli a fine ottobre del 2019. Ieri il Tribunale del riesame di Sassari avrebbe dovuto prendere in esame la richiesta di carcerazione di Zagaria, ma i suoi difensori, gli avvocati Lisa Vaira e Andrea Imperato, hanno chiesto la conferma del differimento ai domiciliari e hanno sollecitato il tribunale affinché sollevi alcune questioni di incostituzionalità del decreto legge che in pratica impone ai giudici di Sorveglianza di rivalutare in 15 giorni se sussistono ancora i motivi legati all’emergenza sanitaria.
La decisione dei giudici è attesa entro pochi giorni. Nel frattempo, secondo quanto riportato dall'agenzia ANSA, a margine dell'udienza gli stessi difensori hanno precisato che le condizioni di salute del loro assistito si sono aggravate. "Pasquale Zagaria si trova ora ricoverato in un ospedale della Lombardia", ha detto l'avvocata Lisa Vaira. "La scorsa settimana si è sottoposto in una struttura sanitaria veneta a un'endoscopia con biopsia di cui ancora non conosciamo gli esiti. Probabilmente a seguito di quest'esame ha avuto ulteriori problemi di salute per cui è stato necessario il ricovero". Dopo le polemiche sulla sua scarcerazione, per Zagaria si prospettano due soluzioni compatibili con lo stato di salute e la necessità di cure adeguate: il trasferimento al carcere di Viterbo, indicato dal Dap, o nella struttura penitenziaria di Opera, a Milano, dotata di centro clinico.

ARTICOLI CORRELATI

Scarcerazioni boss: Zagaria potrebbe tornare in carcere, Dap trova posto a Viterbo

Cosa nostra: revocati i domiciliari al capomafia Nino Sacco

Carceri: la relazione dell'Antimafia su 41bis e permessi premio. ''Linee guida'' e ipotesi riforma

Carceri: revocati i domiciliari al boss di 'Ndrangheta Vincenzino Iannazzo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa