Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Speciale Intercettazioni

Speciale Intercettazioni

Nuove minacce contro la libertà d'informazione

bavaglio-web3Col “bavaglio” sulle intercettazioni nel mirino finiscono anche i blog
di Aaron Pettinari - 28 settembre 2011

Non può più aspettare il premier Silvio Berlusconi. Con il crescere degli scandali e delle inchieste a proprio carico ha modificato ancora una volta le priorità del governo. Non più la crisi ma l'approvazione del ddl intercettazioni, con la volontà chiara di mettere un bel bavaglio alla libertà di stampa.
La proposta di legge tornerà ad essere discussa domani alla Camera dopo il “congelamento” scaturito dalle proteste del 2009 e del 2010.
Oltre alla volontà più volte ribadita di ridimensionare l'utilizzo delle intercettazioni da parte dei magistrati ed evitare la diffusione degli atti d'indagine tramite i mezzi d'informazione anche quando non sono più coperti dal segreto istruttorio, il governo torna a voler censurare anche il web.
L'hanno chiamata “norma ammazza blog” ed è contenuta nel comma 29 dell’articolo 1. Nello specifico prevedere "per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono". E poco importa se l’oggetto della rettifica sia un contenuto che corrisponda o meno alla verità, visto che per richiederla è sufficiente che la persona offesa lo consideri lesivo della propria dignità. Insomma una vera ghigliottina sopra la testa di “blogger” ed i gestori di siti informatici. Ma la società civile, con il popolo della Rete in testa, è pronto a scendere nuovamente in piazza per protestare di fronte a questo nuovo “schiaffo alla costituzione” e al diritto di essere informati. Domani, mentre in aula vi sarà la discussione sulla “legge bavaglio”, cittadini ed associazioni si ritroveranno dalle 15 alle 18 in piazza del Pantheon a Roma a difesa della libertà di informazione. La manifestazione è stata indetta dal Comitato per la libertà e il diritto all’informazione, alla cultura e allo spettacolo ed ha finora raccolto le adesioni, fra gli altri, della Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi), Cgil, Articolo 21 e Libertà e Giustizia con l'obiettivo di dire no all'ennesima legge ad personam confezionata per salvare Berlusconi dai suoi processi.
A lanciare un forte grido d'allarme su tutto ciò che potrà accadere con l'entrata in vigore della norma è Valigia Blu, il collettivo di attivisti per “la dignità dei giornalisti e il rispetto dei cittadini” rappresentato da Arianna Ciccone, che fornisce un' elenco di domande e risposte alquanto signficativo (leggi). Ma la "chiamata alla protesta" si muove su tutti i fronti, dai social network ai semplici forum. «Domani lanceremo un´iniziativa più grande, sulla falsariga della manifestazione a piazza del Popolo del 2009. E stabiliremo un calendario di massima per i sit-in», ha detto Renzo Santelli, responsabile delle relazioni esterne della Federazione Nazionale della Stampa Italiana. Articolo 21, così come annunciato da Stefano Corradino e Giuseppe Giulietti, direttore e portavoce di Articolo21, presenterà addirittura un giuramento per giornalisti dal testo chiaro ed incisivo, “una sorta di 'giuramento di Ippocrate' dei giornalisti, nel quale si ribadisce la necessità di un impegno formale contro la censura e l'autocensura nell'informazione".

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta