Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Si stringe il cerchio attorno a Messina Denaro, 11 arresti a Trapani

Mafie News

Si stringe il cerchio attorno a Messina Denaro, 11 arresti a Trapani

messina-denaro-matteo-bigFoto e Video
di Aaron Pettinari - 3 agosto 2015
Nell'operazione “Ermes” scoperta la nuova rete dei pizzini
Un nuovo passo verso la cattura del superlatitante Matteo Messina Denaro è stato fatto questa notte con l'operazione “Ermes”, coordinata dalla Dda di Palermo, lo Sco, ed eseguita dalle Mobili di Palermo e Trapani, con partecipazione anche del Ros dei carabinieri. Le misure cautelari sono state notificate ai capi del mandamento mafioso di Mazzara del Vallo e dei clan di Salemi, Santa Ninfa e Partanna con le manette che sono scattate per undici persone. Un'indagine segreta, durata tre anni, ha permesso agli investigatori di individuare una masseria a Mazara del Vallo usata come centrale di smistamento dei pizzini inviati al boss di Castelvetrano. Tra gli arrestati figurano gli allevatori Vito Gondola e Michele Terranova. Il primo non è uno qualsiasi. Lo chiamano zu Vitu coffa, già condannato per mafia, che nel Natale del 1991, alla vigilia delle stragi Falcone e Borsellino, Totò Riina volle alla sua destra nella grande tavolata che organizzò a Mazara del Vallo per fare gli auguri ai mafiosi più influenti di Cosa nostra.

op-ermes-video-messina-denaro
I pizzini giungevano nelle mani di Gondola seguendo una rete di postini, alcuni pure insospettabili. Tra cui, Domenico Scimonelli, titolare di un supermercato a Castelvetrano, e Ugo Di Leonardo, architetto ed ex funzionario in pensione del Comune di Santa Ninfa. Gli inquirenti, che tenevano sotto controllo la zona, hanno accertato che i bigliettini, che erano smistati durante i summit di mafia, venivano nascosti sotto terra.
I messaggi venivano poi prelevati al termine delle riunioni e consegnati ai vari destinatari con regole ferree per la lettura. I pizzini infatti, ripiegati e chiusi con dello scotch, dovevano essere letti e distrutti e le risposte dovevano giungere entro termini prefissati, al massimo 15 giorni.
L’indagine, coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Teresa Principato e dai pm Paolo Guido e Carlo Mazzella, è cominciata nel 2011 ed è la prosecuzione delle precedenti operazioni “Golem” ed “Eden” condotte dalla polizia e dai carabinieri e che hanno portato in cella favoreggiatori e familiari del boss. Così gli uomini d’onore sono stati costretti a riorganizzare la rete di comunicazione.

op-ermes-video-messina-derano-2
I summit erano organizzati con grande attenzione utilizzando parole in codice come ‘concime’ e ‘favino’, cereali dati in genere ai maiali. Molti degli arrestati, infatti, sono allevatori.
Gli incontri tra i boss avvenivano nelle campagne, un fatto che ha reso più difficile intercettare le conversazioni.
Dalle indagini è emerso anche un possibile allontanamento di Matteo Messina Denaro, condannato all’ergastolo per le stragi che hanno insanguinato Roma, Milano e Firenze nel 1993, dalla Sicilia. Ad un certo punto, infatti, era stato registrato un arresto dello scambio di pizzini. E' possibile che gli uomini del boss di Castelvetrano avessero intuito la presenza degli investigatori o davvero Messina Denaro si era spostato in altri lidi?

FOTOGALLERY © by palermo.repubblica.it
Nella masseria la centrale di comunicazione per i pizzini di Messina Denaro


GLI ARRESTATI
Vito Gondola, 77 anni, ritenuto capo del mandamento di Mazara del Vallo; Leonardo Agueci, 28 anni, ragioniere della ditta So.vi.; Ugo Di Leonardo, 73 anni, architetto in pensione; Pietro e Vincenzo Giambalvo, 77 e 38 anni, padre e figlio; Sergio Giglio, 46 anni; Michele Gucciardi, 62 anni; Giovanni Loretta, 43 anni; Giovanni Mattarella, 49 anni, genero di Vito Gondola; Giovanni Domenico Scimonelli, 48 anni; Michele Terranova, 46 anni.

ARTICOLI CORRELATI

Pizzini e fedelissimi, così Messina Denaro protegge la sua latitanza

Principato: “Messina Denaro gode di protezioni ad alto livello”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa