Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Secondo un comunicato del Ministero della Difesa Brasiliano, la mattina del 3 gennaio le autorità hanno scoperto nel porto altlantico di Santos, vicino a San Paolo, una carico di 562 chilogrammi di cocaina nascosto n un carico di caffè diretto al porto di Le Havre in Francia, una delle principali porte di ingresso della droga in Europa. Poche ore dopo, è stato sequestrato un carico di zucchero diretto in Ghana al cui interno  è stata trovata mezza tonnellata di cocaina. Quasi esattamente nello stesso momento, un container che trasportava succo d'arancia concentrato e diretto a Valencia, in Spagna, è stato perquisito e sono stati sequestrati 730 chilogrammi di cocaina.
Tre carichi in tutto per un totale di 1792 chilogrammi di cocaina.
Il porto di Santos è il 46° più trafficato del mondo ed è il secondo più grande dell'America Latina dopo il porto di Colón a Panama di conseguenza non c’è da meravigliarsi che sia diventato (o stia diventando) un perno cruciale per il commercio globale di cocaina.
Inoltre sembra che gran parte di questa crescita nell’esportazione sia dovuta all'ascesa del First Capital Command (Primeiro Comando da Capital - PCC), una potente banda di narcotrafficanti che domina San Paolo, la stessa che ha iniziato anche a puntare al Paraguay e in Bolivia al fine di arrivare a controllare importanti rotte del traffico di droga.
Il gruppo di narcotrafficanti negli affari predilige la ‘Ndrangheta come proprio partner. Quest’ultima infatti riesce ad assicurare che la cocaina entri in Europa attraverso porti come Rotterdam e Anversa. La distribuzione vien poi sub appaltata ad altri ruppi criminali di diversa etnia tra cui russi, balcanici e marocchini. Secondo l'Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP), la 'Ndrangheta ha anche contribuito a stabilire accordi di droga tra il PCC e i gruppi criminali dell'Africa occidentale, che conservavano una parte della cocaina in cambio dell'aiuto nel trasporto di carichi maggiori in Europa.
Tuttavia, la presenza di un'ampia gamma di altri broker è in crescita. Nel 2019, Europol ha riferito che "i gruppi criminali organizzati serbi sono particolarmente importanti nel porto di Santos". In Irlanda, il più importante trafficante di droga del paese, Daniel Kinahan, è stato collegato a un impero del traffico di cocaina, che include abbondanti risorse e accordi commerciali in Brasile.

Fonte: insightcrime.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy