Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Russia accusa gli americani. Dal Pentagono, al momento, si sceglie il silenzio

Il ministero della Difesa russo ha accusato gli Stati Uniti di "grave violazione delle norme internazionali per prevenire le collisioni in mare e dell'Accordo russo-americano per la prevenzione degli incidenti in alto mare" in merito a quanto avvenuto nel Mar del Giappone, dove un cacciatorpediniere Usa sarebbe arrivato a 60 metri di distanza di una nave militare russa per poi essere costretta a fare marcia indietro. L'area era stata chiusa perché erano in corso esercitazioni navali congiunte russo-cinesi, Joint Sea 2021.
"Utilizzando un canale di comunicazione internazionale, l'equipaggio della nave russa Ammiraglio Tributs avrebbe avvertito il cacciatorpediniere dell'inaccettabilità di simili azioni e lo ha informato che si trovava in un'aria chiusa alla navigazione per via di un'esercitazione di artiglieria", fa sapere il ministero, che ha diffuso un video dell'incidente. 
Al momento il Pentagono ha rifiutato di commentare l'incidente che ha visto protagonista il cacciatorpediniere americano. "E' meglio rivolgere la domanda alla Marina degli Stati Uniti", ha risposto il dipartimento della Difesa Usa all'agenzia russa Ria Novosti, che gli chiedeva di commentare l'accaduto.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy