Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Foggia. E’ ancora viva la vicenda che riguarda i fratelli Luca e Cristian Vigilante, imprenditori foggiani colpiti dalla mafia attraverso intimidazioni e bombe. Esplosioni a gennaio e aprile che hanno colpito prima l’auto di Cristian e successivamente l’immobile di famiglia. Quattro attentati in dieci mesi ma questo ulteriore attacco, avvenuto con sfrontatezza ai danni del servizio pasti nel centro di Foggia, lascia ancora più sgomenti e preoccupati.

"Questo ulteriore atto intimidatorio in un momento di massima attenzione delle Istituzioni sulla famiglia Vigilante appare come una vera e propria sfida nei confronti dello Stato che sta operando con forza a Foggia e che sta tutelando la famiglia Vigilante contro chi pensa di poter ancora decidere i destini di un’impresa o di una comunità" - lo dice Giuseppe Antoci Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto, vittima di un attentato mafioso nel maggio 2016.

Il coraggio della famiglia Vigilante va accompagnato con forza attraverso l’attenzione che deve essere loro riservata non solo dalle Istituzioni ma anche e soprattutto dai loro stessi concittadini che devono stare al loro fianco, dimostrando vicinanza e condivisione. Occorre però – aggiunge Antoci - che tutti i cittadini e gli operatori economici si fidino dello Stato denunciando, senza indugi, anche i primi tentativi di avvicinamento della criminalità che, approfittando anche del difficile momento che attraversa il Paese, cercherà sempre di più di allargare il suo raggio d’azione. Ecco, questo sarebbe un bel modo di stare al fianco dei Vigilante”.

Sono comunque in corso le indagini portate avanti da Magistratura e Forze dell’Ordine per dare un volto ai criminali che hanno compiuto questo ulteriore atto criminale.

“Sono certo che la Magistratura e le Forze dell’Ordine sapranno dare, nel più breve tempo possibile, una forte risposta assicurando alla giustizia quei vili personaggi che, vigliaccamente, hanno attentato e ancora attentano alla serenità e all’incolumità di Luca e Cristian Vigilante, così come sono certo che l’attenzione sulla sicurezza di questi valenti imprenditori non verrà mai meno da parte delle Istituzioni preposte” – conclude Antoci.

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL TEMPO DELLE FARFALLE

IL TEMPO DELLE FARFALLE

by Julia Alvarez

...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...


MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...

MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...


IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...

OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy