Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Estorsione aggravata dal metodo mafioso: è il reato che i carabinieri di Marano di Napoli contestano a Giosuè Fioretto, 59enne già noto alle forze dell'ordine e ritenuto contiguo al clan dei casalesi. L'uomo, secondo gli investigatori, ha chiesto 5mila euro all'amministratore di una società di metalli che ha sede a Castel Volturno (Caserta) ma che abita a Marano di Napoli per poter continuare a lavorare "serenamente". Ma l'imprenditore, che non si è mai piegato alla Camorra, si è subito rivolto ai carabinieri. I due si sono dati un appuntamento per saldare il conto ma all'incontro c'erano anche i militari dell'Arma che sono intervenuti e messo le manette all'estorsore. Adesso è chiuso nel carcere napoletano di Secondigliano a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Fonte: Ansa

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy