Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I Carabinieri del Comando provinciale di Napoli, nell'ambito di indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea, hanno eseguito ieri sera un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Salvatore Petriccione Junior, 20enne figlio di Salvatore Petriccione, ritenuto reggente del clan camorristico Vanella Grassi. Petriccione Junior è ritenuto gravemente indiziato di lesioni personali pluriaggravate eseguite con metodo mafioso. Al centro dell'indagine il pestaggio di un giovane 20enne di Melito (Napoli) avvenuto nella notte del 7 gennaio 2021 nei pressi dello stadio Landieri di Scampia. La vittima, mentre si trovava a bordo della sua auto parcheggiata in largo Dino Battaglia, è stata raggiunta da un gruppo di persone, tra cui Petriccione, le quali, dopo aver circondato l'auto del giovane e aver infranto il finestrino lato guida del veicolo, lo hanno picchiato violentemente al volto, procurandogli gravi lesioni. A seguito del pestaggio, la vittima era stata ricoverata in prognosi inizialmente riservata nell'ospedale Cardarelli di Napoli.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy