Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Una vendetta tra gang di ragazzi che già ad aprile aveva portato al ferimento di due minorenni a colpi di pistola nel cuore del rione Sanità a Napoli. Quell'agguato aveva visto come vittime due 15enni figli di pregiudicati del clan Contini della zona dell'Arenaccia a Napoli. Alle 2.30 di ieri mattina la vendetta sarebbe stata consumata in via Arena alla Sanità, angolo via Sanità, ai danni di Antonio Testa, 18 anni, e Ciro Vecchione, 19 anni, incensurati entrambi. Un altro agguato, non distante da dove i rampolli del clan Contini furono feriti. Un agguato che mirava a uccidere, non a ferire o spaventare. I killer, in quattro, hanno sparato alla testa e al torace dei due. Non si tratta di una 'guerra' di camorra, ma di scontri partiti in post social, che affondano comunque le radici in un ambiente degradato e di criminalità organizzata. I due feriti della scorsa notte non sono organici a clan, ma sono invece conoscenti e frequentatori di esponenti del clan Sequino. Ciro Vecchione, poi, ferito all'emitorace, ha avuto una parte da attore nel film di Claudio Giovannesi, 'La paranza dei bambini', tratto dal libro di Roberto Saviano che raccontava proprio delle guerre di camorra scatenate da ragazzini nel centro di Napoli. Vecchione interpretava uno dei baby boss, soprannominato 'o Russ.

Foto © Alessio Viscardi/Flickr

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy