Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Due giorni fa, nel casertano, presso la zona industriale di Carinaro, un imprenditore 51enne è stato ferito da colpi di arma da fuoco. La Polizia sta indagando a tutto campo in un'inchiesta che è coordinata dalla Procura di Napoli nord. Tuttavia l'informativa di reato del Commissariato di Aversa e della Squadra Mobile di Caserta è stata inviata anche alla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, perché non si può escludere che l'atto abbia una matrice camorristica e sia legato a vicende di natura estorsiva. Con il passare delle ore ha perso forza l'ipotesi della tentata rapina, e ciò dopo che i poliziotti hanno ascoltato il 51 enne - del quale non è stato reso noto il nome - e il suo dipendente che era in un furgone carico di pellami, e dopo aver visto le immagini del ferimento riprese dalle telecamere di videosorveglianza della zona. Il ferimento è avvenuto all'esterno di un calzaturificio, dove il commerciante era atteso per un appuntamento di lavoro. L'imprenditore ci è arrivato con la sua "Smart", mentre il dipendente era in un furgone carico di merce da far vedere al cliente. Non appena il commerciante è sceso dall'auto, sono arrivati due uomini, con volto coperto da sciarpe, a bordo di una "Fiat 500"; uno dei due è sceso e ha sparato due colpi di pistola, uno dei quali ha ferito il 51enne ad un polpaccio. Il commerciante e' stato condotto all'ospedale di Aversa dove è stato operato ed è tuttora ricoverato; le sue condizioni comunque sono buone. Gli investigatori hanno accertato che i proiettili hanno calibro 9x21.

Fonte: ANSA

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy