Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

19 aprile 2012
Caserta. La Squadra Mobile di Caserta ha arrestato, nella tarda serata di ieri, Attilio Pellegrino, luogotenente del boss dei Casalesi Michele Zagaria e uno degli uomini più fidati dell'ex primula rossa del clan. Da tempo Pellegrino evitava la sua dimora abituale per sfuggire ai poliziotti e dopo la cattura di Zagaria aveva assunto il ruolo di referente del boss nel comprensorio di Casapesenna e nei comuni vicini. Nei confronti di Pellegrino, quarantaduenne di Villa di Briano (Caserta), è stata emessa una condanna definitiva per detenzione e porto illegale di armi. Gli agenti della Mobile di Caserta - guidati dal vicequestore aggiunto Angelo Morabito - lo hanno bloccato al termine di attività investigative condotte anche attraverso servizi di appostamento. Michele Zagaria, dopo una latitanza durata da 14 anni, fu scovato e arrestato dalla polizia lo scorso 7 dicembre, in un bunker ricavato in una villetta di Casapesenna, nel Casertano. La Squadra Mobile di Caserta stava pedinando Attilio Pellegrino da diversi giorni e il suo arresto è avvenuto nella tarda serata di ieri a Santa Maria Capua Vetere (Caserta). Secondo quanto accertato dagli investigatori, il boss dei Casalesi, Michele Zagaria, nella gestione dei suoi affari, oltre che di familiari, si è avvalso anche della collaborazione di una stretta cerchia di persone di cui Pellegrino è un elemento di spicco.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy