Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sono state eseguite stamani dai carabinieri di Bordighera (Imperia) le operazioni di sgombero di un importante compendio immobiliare, costituito da diversi fabbricati con terreno annesso, confiscato alla famiglia Pellegrino, ritenuta affiliata alla ‘Ndrangheta. I beni, la cui gestione è affidata all'Agenzia Nazionale dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, erano stati sequestrati anni or sono ai fratelli Giovanni, Maurizio e Roberto Pellegrino dopo la condanna in via definitiva con la sentenza, confermata dalla Seconda Sezione della Corte di Cassazione di Roma, nel gennaio del 2020, nell'ambito del processo per l'indagine antimafia 'La Svolta'. L'inchiesta dei carabinieri, scattata il 3 dicembre del 2012, portò allo scioglimento del consiglio comunale di Ventimiglia e di Bordighera, a cui fece seguito la sentenza del Consiglio di Stato che stabilì che non vi erano gli elementi per far decadere le amministrazioni di centrodestra guidate da Gaetano Scullino e Giovanni Bosio. La presenza della ‘Ndrangheta a Bordighera venne comunque confermata con le condanne di Giovanni Pellegrino a 10 anni e 6 mesi, Maurizio Pellegrino (10 anni), Antonino Barillaro (7 anni) e Roberto Pellegrino (8 anni e 3 mesi).

Fonte: ANSA

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy