Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Tribunale collegiale di Vibo Valentia si occuperà di ulteriori 6 imputati coinvolti nell'operazione Rinascita Scott della Direzione distrettuale antimafia da cui è nato il maxiprocesso alla ‘Ndrangheta del Vibonese attualmente in corso di svolgimento nell'aula bunker dell'area industriale di Lamezia Terme. Il Tribunale di Catanzaro ha infatti stamane riconosciuto l'incompetenza territoriale e funzionale sollevata dagli avvocati di Giorgio Naselli e Giuseppe Calabretta. In particolare, gli avvocati Giuseppe Fonte, Gennaro Lettieri e Rocco Di Dio avevano chiesto lo spostamento del processo al Tribunale di Teramo ma i giudici catanzaresi hanno deciso per la competenza territoriale del Tribunale di Vibo Valentia. Gli imputati sono: Giorgio Naselli, 54 anni, nativo di Piacenza, residente a Teramo, ex comandante provinciale dei carabinieri di Teramo, poi vice comandante del Gruppo sportivo carabinieri (avvocati Fonti e Lettieri); Giuseppe Calabretta, 52 anni, di Pineto; l'imprenditore Rocco Delfino, 59 anni, di Satriano; Salvatore Delfino, 31 anni, figlio di Rocco; Roberto Forgione, 39 anni, di Rizziconi, socio di minoranza di Rocco Delfino; Ilenia Tripolino, 32 anni, di Marina di Gioiosa, fidanzata del figlio di Rocco Delfino. Le accuse vanno, a vario titolo, dal trasferimento fraudolento di valori alla rivelazione di segreti d'ufficio.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy